diego-dalla-palma:-“sono-stato-picchiato-da-un-mio-ex-fino-a-svenire”

Diego Dalla Palma: “Sono stato picchiato da un mio ex fino a svenire”

Il makeup artist di fama mondiale Diego Dalla Palma ha rivelato dettagli e retroscena della sua turbolenta vita sentimentale.

Diego Dalla Palma picchiato: la confessione

Tra tradimenti, rimpianti e relazioni dissennate, Diego Dalla Palma ha svelato alcuni retroscena inediti della sua vita privata. Il famoso makeup artist ha anche confessato che in passato un suo ex compagno – che poi avrebbe denunciato – sarebbe arrivato a mettergli le mani addosso fino a causargli la perdita di conoscenza: 

“Fu uno shock enorme, mi ha picchiato fino al punto di farmi perdere conoscenza.

L’ho denunciato, certo. Ma grazie alla legge se ne sta tranquillamente in giro per l’Italia”, ha confessato Dalla Palma, che si è detto pentito per molte delle sue scelte in fatto di uomini: “Non mi sono accorto che alcuni uomini sono stati con me solo per ciò che potevo portare loro a livello di contatti sociali. L’ho trovato squallido”, ha dichiarato.

Diego Dalla Palma: la moglie

Dalla Palma è stato sposato un’unica volta con Anna Del Bene, che ha però sempre preferito vivere la sua vita privata nel massimo riserbo. Il loro – a detta del grande makeup artist – fu un amore importante, conclusosi a suo dire per colpa dello stesso Dalla Palma: “La predisposizione a sentire un fremito o un sentimento sia per donne sia per uomini è un patrimonio. A dire il vero, l’ho abbandonata dopo un grande amore con una donna, Anna Del Bene. Dopo, ho seguito un istinto che mi portava più verso l’omosessualità e di questa fase ho ricordi meno belli. Nella vita, lo ammetto, ho molto peccato”, ha dichiarato.

Diego Dalla Palma: gli abusi

Dalla Palma ha dichiarato che da ragazzino avrebbe sofferto di abusi e bullismo. In particolare lui stesso ha dichiarato che sarebbe stato un prete ad abusare di lui. “A casa non lo dissi, mamma mi avrebbe dato due ceffoni, per lei, i preti erano solo buoni. Ma io stesso non la vivevo come una violenza, ma quasi come un servizio. Pensavo: sto qua, vado a scuola, qualcosa devo restituire”, ha dichiarato.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *