tilda-swinton:-«tra-madre-e-figlia-c’e-un-legame-che-va-oltre-ogni-cosa»

Tilda Swinton: «Tra madre e figlia c’è un legame che va oltre ogni cosa»

Trasformista, per niente diva e di non molte parole. Tilda Swinton preferisce far parlare i suoi personaggi o i suoi look. Alla 79esima Mostra del cinema di Venezia, l’attrice britannica fa l’uno e l’altro. Al Lido prta in concorso The Eternal Daughter di Joanna Hogg (le due sono amiche dai tempi di The Souvenir) e si è presentata con i capelli giallo canarino. «È un onore per me indossare metà della bandiera ucraina», ha spiegato, presentandosi in conferenza stampa con l’altra metà: una camicia azzurra.

Girato durante la pandemia, The Eternal Daughter racconta la storia di una madre anziana Rosalind e di una figlia artista Judy, di un’ex casa di famiglia ora hotel, di segreti come fantasmi. Di un passato ingombrante. E Tilda interpreta sia la madre sia la figlia. La figlia ha i capelli del colore naturale dell’attrice, mentre la madre li ha bianchi e lunghi. 

Come gran parte del lavoro di Hogg, anche The Eternal Daughter è un’opera senza alcun copione. «Io uso molto l’improvvisazione. Se non fossimo amiche da tanto tempo non avremmo potuto entrare così in profondità nella storia creando una relazione quasi simbiotica», ha spiegato la regista.  «Joanna ed io abbiamo parlato molto durante gli anni di The Souvenir del nostro interesse per questa particolare generazione: l’abisso tra la generazione delle nostre madri e le donne della nostra età», ha aggiunto l’attrice. E ancora: «Entrambe abbiamo perso le nostre madri, lei poco prima di iniziare le riprese. Io anni fa. La storia parla del lutto».

Sul legame madre-figlia Tilda ha aggiunto: «Il film parla di qualcosa di viscerale: l’intreccio tra una madre e una figlia. Si tratta di capire quanto di nostra madre è la nostra proiezione e quanto di noi stesse è la proiezione di nostra madre. Il fatto di avere delle figlie artiste deve essere stato sfidante per le nostre madri perché ci esponiamo, affrontiamo questo mondo difficile, mettiamo vestiti diversi. C’è un legame che va oltre ogni cosa tra madre e figlia, da qui la scelta di far interpretare alla stessa attrice i due personaggi».

Related Posts

Lascia un commento