siccita:-cia-emilia-centro,-per-mais-calo-produttivo-del-60%

Siccità: Cia Emilia Centro, per mais calo produttivo del 60%

‘Raccolto dimezzato, inesistente in aree senza irrigazione’

(ANSA) – BOLOGNA, 08 AGO – La siccità e il clima arido degli ultimi mesi hanno determinato, per il mais, in Emilia-Romagna, un calo produttivo del 60%. E’ quanto segnala Cia-Agricoltori Italiani Emilia Centro, associazione che raggruppa i produttori delle province di Modena e Bologna, alla luce dei primi raccolti i quali, spiega la stessa associazione., “indicano produzioni inconsistenti per una filiera strategica per zootecnia e settore agri-bioenergetico” A giudizio di Cia, “le prime trebbiature confermano un raccolto più che dimezzato, se non inesistente, nelle aree in cui non è stato possibile irrigare. Il mais – osserva Marco Bergami, vice presidente di Cia Emilia Centro – è una coltura importante per la filiera zootecnica ed agro-energetica, ma l’assenza di piogge ne ha compromesso la maturazione con una quasi inesistente produzione di granella. Questo cereale – aggiunge – ha esigenze idriche elevate e anche chi ha avuto possibilità di intervenire con le irrigazioni ha ottenuto scarse performance. A limitare gli interventi di soccorso anche gli elevati costi energetici”. Vista a situazione, viene sottolineato ancora, “in alcune aree le trebbie non entreranno nemmeno in campo mentre chi ha già iniziato a raccogliere a malapena ha ottenuto produzioni di 50 quintali per ettaro. La perdita è in media di almeno del 60% del raccolto – lamenta ancora Bergami – e questa situazione getta un’ombra sulle future semine. Con queste condizioni – conclude – è difficile per gli agricoltori puntare ancora su questo cereale, soprattutto per l’investimento che hanno dovuto sostenere in termini di costi produttivi che non verranno ripagati”. (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.