sandra,-infermiera:-costretta-a-ore-come-oss-fuori-busta.-ho-denunciato!

Sandra, Infermiera: costretta a ore come OSS fuori busta. Ho denunciato!

Sandra, Infermiera: mi hanno fatto fare delle ore come OSS pagandole fuori busta. Ho denunciato l’Azienda.

Sandra, infermiera, ci racconta la sua storia su nostro invito, dopo aver pubblicato un post dove ne parlava.

Ha dovuto omettere dei particolari visto che la sua esperienza diventerà un caso in tribunale visto che ha denunciato l’azienda.

“Gentile redazione AssoCareNews.it,

vi chiedo gentilmente di raccontare la mia storia, seppur breve.

Lavoro da diversi anni per un gruppo aziendale che controlla diverse RSA e cliniche sparse per l’Italia.

Ad agosto, sotto carenza di personale, mi hanno chiesto di fare delle ore di straordinario. Ho accettato, ma una volta entrata a lavoro ho scoperto che avrei dovuto coprire il turno da OSS.

La coordinatrice mi ha minacciata che se avessi abbandonato il servizio mi avrebbe denunciata, ono quindi rimasta ma ho giurato di andare fino in fondo.

Giuramento rafforzato a fine mese, quando mi hanno dato 50 euro fuori busta. Cioè mi fai fare l’oss e mi paghi pure a nero?

Ho chiesto al mio avvocato (che è un amico di famiglia) e mi ha consigliato di denunciarli. Per lui ci sono grandi possibilità di dimostrare quanto accaduto.

Non voglio prenderci soldi, che eventualmente donerò alla ricerca per il cancro. Voglio arrivare fino in fondo perchè è giusto che queste persone vengano prese dalla legge.

L’anno scorso hanno negato il rinnovo a una collega infermiera giovane e bravissima perchè criticò il fatto che di notte i pazienti sono lasciati quasi soli (la struttura è troppo grande e siamo in due a fare il giro, mentre siamo in un’ala potrebbe benissimo succedere di tutto nell’altra di fronte).

Grazie dell’opportunità di divulgare, spero che il mio coraggio influenzi altri.

Sandra”.

L’articolo Sandra, Infermiera: costretta a ore come OSS fuori busta. Ho denunciato! proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *