referendum,-dopo-la-debacle-salvini-non-si-presenta-mentre-calderoli-invoca-il-complotto-e-punta-il-dito-contro-gli-alleati:-“poco-sostegno”

Referendum, dopo la debacle Salvini non si presenta mentre Calderoli invoca il complotto e punta il dito contro gli alleati: “Poco sostegno”

Roberto Calderoli parla di “complotto” e durante la conferenza stampa gli esponenti leghisti attaccano apertamente gli alleati, puntando il dito soprattutto contro Fratelli d’Italia.

Il vice presidente del Senato Roberto Calderoli e il vice presidente della Lega Andrea Crippa si presentano nella sala stampa della sede del partito di Milano poco dopo le 23. “La Lega ci mette la faccia” commenta Calderoli che indossa la maglietta per il sì. Ma il segretario del partito Matteo Salvini non si presenta. “Impegni famigliari – fa sapere il suo staff in una nota – parlerà lunedì pomeriggio”. Intanto i leghisti criticano la censura dei media e la scelta della data. Poi attaccano gli alleati. “Non c’è stata attività sul territorio né da parte di Fratelli d’Italia né da parte di Forza Italia” gli fa eco Calderoli che però ringrazia il presidente Berlusconi. “Un silenzio assordante sul referendum da parte degli alleati” attacca Crippa che pi precisa: “Ma il centrodestra rimane unito”.

L’articolo Referendum, dopo la debacle Salvini non si presenta mentre Calderoli invoca il complotto e punta il dito contro gli alleati: “Poco sostegno” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.