parma-cosenza-1-0-le-pagelle-|-circati-e-ovunque,-mihaila-no

Parma-Cosenza 1-0 LE PAGELLE | Circati è ovunque, Mihaila no

Ecco le pagelle di Parma-Cosenza 1-0. 

Chichizola 6,5 – Decisivo al 21′ quando Voca pizzica il pallone di testa e lui con un gran riflesso respinge. Attento anche nelle uscite. Sbaglia poco. 

Coulibaly 5,5 – Ci mette un po’, come i compagni, a carburare. D’Urso dalla sua è un brutto cliente, lo punta e spesso va ma dopo il gol del Parma si rimette in riga. Spinge un paio di volte con buona lena, il giallo pesa e Pecchia lo richiama.

46′ Delprato 6,5 – Decisivo e pulito, come sempre, su Florenzi lanciato verso la porta dopo un contropiede partito per errore di Bernabé. Lucido e puntuale anche in altre situazioni. 

Circati 7 – Aiuta Romagnoli, sempre attento, risolve con un paio di anticipi alcune situazioni che potevano diventare spinose. Buon debutto, Matosevic gli nega pure la gioia del gol. L’avrebbe meritata alla fine. 

Romagnoli 6 – Deve marcare Butic, se la cava bene anche se una volta si fa attrarre troppo dal pallone ed esce  presto lasciando scoperta la difesa. Ma è l’unica leggerezza. 

Oosterwolde 6 – Accetta l’uno contro uno con grande serenità. Il suo fisico statuario e la sua velocità lo aiutano parecchio. Si disimpegna bene e accompagna davanti. Un po’ confuso ma efficace. 

Bernabé 6 – Non al massimo, poco brillante dà poca qualità alla manovra. Meglio in fase difensiva. Qualche gestione approssimativa della palla, in una di queste ha regalato un contropiede a Florenzi. Meno male che c’era Delprato. 

89′ Estevez sv.

Juric 5,5 – Poco lucido, di randellare randella e bene, ma quando c’è da lavorare con il pallone tra i piedi gli manca un po’ di precisione. Il Cosenza la mette sulla lotta, lui forse non voleva altro ma un pizzico di precisione in più non guastava.

Man 5 – Un po’ meglio del suo connazionale Mihaila, ma ha sulla coscienza almeno due gol sbagliati. Uno dalla sua zolla preferita: apre troppo il piatto sinistro. L’altro a porta vuota: Rispoli respinge sulla linea. Impreciso.

72′ Ansaldi sv – Contribuisce alla lotta, da esterno alto fa quello che deve fare: coprire e accompagnare. 

Vazquez 6 – E’ una battaglia dalla quale non si chiama di certo fuori. Non è partita dove deve giocare di fioretto, lo rinfodera presto e mostra la sciabola con la quale difende diversi palloni e si prende falli preziosi che spezzano il ritmo. Colpisce il palo di testa. Sempre prezioso. 

Mihaila 5 – Inconsistente: mai nel vivo della partita, mai uno spunto. Una sola giocata degna del suo talento sopito: la palla che recapita a Inglese per il vantaggio.  Esce dopo un tempo in cui ha fatto pochissimo.  

46′ Benedyczak 6 – Si prende l’esterno del campo, cerca di portare un po’ di superiorità numerica con la sua velocità e la sua tecnica. Si batte come sempre anche se salta poche volte l’uomo. Ma l’atteggiamento è quello giusto. 

Inglese 6,5 – Il primo gol in stagione è un tocco da opportunista: insacca la palla di Mihaila con un taglio sul primo palo mandandola sul secondo. Prima sbaglia tante sponde e diversi controlli, poi lotta e conquista diversi falli. Che bello il suo ritorno al gol dopo 259 giorni. 

65′ Bonny 5 – Non ne indovina una. Entra svogliato e perde un paio di palloni che potevano costare carissimo. 

All: Pecchia 6 – L’arbitro lo fa innervosire quando ammonisce Bernabé, vive la partita come se la stesse giocando con i suoi ragazzi. Manda in campo Circati e viene premiato, la sua squadra lotta e dopo il gol di Inglese si scrolla di dosso un po’ di pressione. La prima vittoria è meritata, anche se chiudere le partite gli servirà a farlo stare più sereno. 

Related Posts

Lascia un commento