oss-fondamentali-la-notte-ma-le-asl-preferiscono-sempre-piu-lasciare-soli-gli-infermieri.

OSS fondamentali la notte ma le ASL preferiscono sempre più lasciare soli gli Infermieri.

La lettera di una OSS riapre la questione degli Operatori Socio Sanitari necessari durante il turno notte: le Aziende dovrebbero impiegarli, ma preferiscono lasciare soli gli Infermieri.

Salve,

sono una OSS e riguardo alla lamentela del padre dell’Infermiera volevo dire la mia. A parte il fatto di ricordargli che il primo anno di laurea verte sulla soddisfazione dei beni primari del paziente, quindi è anche compito dell’infermiera effettuare l’igiene, oltre al fatto che anche tra gli infermieri, non tutti fanno il loro dovere, ma casualmente si nota solo l’operato degli Operatori Socio Sanitari.

Inoltre, a noi OSS farebbero un piacere se arrivasse alle dirigenza il fatto che gli Operatori Socio Sanitari sono necessari anche la notte, perché le garantisco che fare la giornaliera non è proprio una passeggiata, invece di lamentarsi sarebbe opportuno fare presente la carenza di personale all’amministrazione.

Cordiali saluti.

C.F., Operatrice Socio Sanitaria.

P.S. = Chiedo per cortesia che non venga messo il mio nome


Carissima lettrice anonima,

abbiamo deciso di pubblicare il suo commento perché ci siamo resi conto che è ancora necessario chiarire qual è il ruolo dell’Infermiere e qual è quello dell’OSS. Soprattutto va ancora una volta ribadito che i programmi didattici dei Corsi di Laurea in Infermieristica, non tutti per fortuna, vanno revisionati e aggiornati alla realtà odierna. Gli Infermieri possono fare l’igiene, ma solo in casi eccezionali e per venire incontro alle esigenze contingenti dell’Assistito, dell’équipe e dell’Azienda per cui lavora. Tale compito è attribuito al personale di supporto, ovvero agli Operatori Socio Sanitari. Continuare, da parte di alcune Aziende sanitarie/ospedaliere pubbliche e privata a voler ignorare questa problematica, soprattutto di notte, è sempre più vergognoso. Anche perché ci sono OSS come lei che spingono per rientrare nei turni notturni (e quindi fare esperienze assistenziali diverse e perché no guadagnare anche qualche soldino in più) e Infermieri (soprattutto nelle Medicine, nelle Lungodegenze, negli Hospice e nelle residenze assistenziali per anziani e disabili) che non ce la fanno più a fare il lavoro degli Operatori Socio Sanitari, soprattutto di notte. Inoltre, non si può fare di tutta l’erba un fascio, per cui è vero che ci sono OSS che continuano ad “imboscarsi” come dice il nostro lettore padre di una Infermiera, ma è anche vero che ci sono colleghi Infermieri che lo fanno. Su questo nessuno può farci nulla, se non esortare tutti a fare il proprio dovere nell’interesse del Cittadino-Paziente-Utente-Assistito. Grazie per la sua missiva, ne faremo tesoro.

Angelo Riky Del Vecchio, Direttore quotidiano sanitario AssoCareNews.it

Leggi anche:

Profilo Professionale dell’OSS. Accordo Stato-Regioni del 22 febbraio 2001. Ambiti di lavoro e competenze.

Lorenzo, Paziente: “di notte non ci sono Oss in reparto e gli Infermieri giustamente non possono fare anche l’igiene”.

Corso di Laurea in Infermieristica: orientarsi nello studio.

L’articolo OSS fondamentali la notte ma le ASL preferiscono sempre più lasciare soli gli Infermieri. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.