Oltre 9000 presenze all’Historic Minardi Day

L’Historic Minardi Day chiude al meglio la quinta edizione registrando oltre 9000 presenze nella due giorni del 28 e 29 agosto 2021. Tante persone sono giunte anche dall’estero per tributare la storia del motorsport (5000 tifosi presenti nel weekend) e godere del magnifico sound dei motori di un’epoca sempre più lontana. Non solo tantissimi appassionati ma anche oltre 2.000 addetti ai lavori per un weekend da tutto esaurito delle strutture ricettive di Imola e del comprensorio.

Va dato merito al servizio di controllo e di gestione garantito da Formula Imola che ha permesso lo svolgimento di un evento piuttosto complesso e articolato in tempi di pandemia Covid-19, creando i presupposti per un ritorno della kermesse ideata dalla famiglia Minardi anche già dal prossimo anno.

Tra le novità più importanti della kermesse la presenza delle triposto pilotate da Alex Caffi e Nicola Larini, con le quali alcuni fortunati appassionati hanno potuto percorrere due giri sul tracciato del Santerno. Le vetture impiegate sono entrambe vecchie Jordan F1, rispettivamente del 2003 e 2004, motorizzate con propulsori Judd 10 cilindri V10 per l’occasione e gommate Michelin F1.

Triposto_Imola

La triposto in azione

“Una tale affluenza di pubblico in condizioni di pandemia è davvero significativa” -commenta Pierluigi “Piero” Martini, bandiera del team faentino- “Davvero importante per me essere qui in mezzo a voi, perché mi fa piacere vedere la passione dopo tanti anni. Quest’anno ho girato meno del solito causa un recente intervento al ginocchio, ma è sempre comunque una grande emozione”.

“Mi piace pensare di aver avuto di fronte una sfida e di averla vinta” -commenta Gian Carlo Minardi, presidente di Formula Imola- Onestamente, questa quinta edizione dell’Historic Minardi Day aveva diversi punti interrogativi: primo evento aperto al pubblico, il funzionamento corretto del protocollo sanitario, la sicurezza degli spettatori: ebbene, al termine della manifestazione, posso dire con soddisfazione che abbiamo centrato l’obiettivo. Certo, ci sono ancora delle situazioni da mettere a punto ma siamo sulla strada giusta per dare continuità. Quello che mi preme sottolineare, come riportato più volte dagli organi di informazione, è il risultato economico generato sul territorio, con le strutture di ricezione che hanno beneficiato della presenza di oltre 2.000 addetti ai lavori, con un tutto esaurito a Imola e nel circondario. Quanto all’evento in sé, abbiamo ricevuto il plauso di partecipanti, pubblico e addetti ai lavori per lo spettacolo offerto. Si sono potute ammirare vetture che hanno fatto la storia del motorsport, in generale sono state oltre 300 le vetture presenti; e poi le presentazioni dei libri, il museo di nuovo aperto, il raduno storico dell’ACI, la parata finale. C’è stato veramente un programma di appuntamenti da soddisfare il palato di ogni appassionato. Permettetemi un sincero ringraziamento ai miei fratelli Giuseppe e Nando, artefici instancabili dell’organizzazione dell’evento, e a tutto lo staff di Formula Imola, che ha confermato ancora una volta la sua professionalità e competenza. Un doveroso ringraziamento va anche al Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, che non ha voluto assolutamente mancare, congratulandosi per il risultato ottenuto”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *