“non-aiuto-i-migranti”,-denuncia-di-open-arms-su-un-sottomarino-militare-italiano-•-imola-oggi

“Non aiutò i migranti”, denuncia di Open Arms su un sottomarino militare italiano • Imola Oggi

open arms

PALERMO – Nuovo colpo di scena nella vicenda Open Arms. Una denuncia è stata presentata dalla ong “per verificare la liceità dei comportamenti” del sottomarino Venuti della Marina militare che l’1 agosto del 2019 filmò e immortalò le fasi di salvataggio di un gruppo di migranti che viaggiavano su una imbarcazione in legno nel Mediterraneo.

“NESSUN AIUTO AI MIGRANTI DA PARTE DEL SOTTOMARINO”

La denuncia, presentata alla Procura di Roma e alla Procura presso il tribunale militare, è stata resa nota da Open Arms e si riferisce alla circostanza emersa nel corso del processo di Palermo che vede imputato l’attuale ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini, all’epoca ministro dell’Interno, di sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio. Secondo la ong il sottomarino “si limitò a documentare con filmati e foto le operazioni di soccorso, senza fornire aiuto e senza segnalare alle autorità competenti la presenza di un’imbarcazione in difficoltà”.

enrico letta open arms migranti

LEGGI ANCHE
Migranti, comandante italiano contattato da una Ong: “Volevano pagarmi su un conto alle Seychelles. Dietro alle Ong c’è un mondo pazzesco”
Boldrini: “le Ong sono il braccio operativo dell’ONU”
Nessuna “ricerca e soccorso”, le carte segrete: le Ong sanno già dove andare a prelevare i migranti
“Vi spiego gli accordi tra Ong e scafisti”, i racconti dei migranti.
Nessuna ricerca in mare, nessun “salvataggio”, tutto programmato

“LA LEGGE DEL MARE IMPONE I SOCCORSI”

Open Arms ricorda che dalla relazione tecnica disposta dalla Procura “è apparso chiaro come l’imbarcazione di legno soccorsa e ripresa dal sottomarino fosse in condizioni precarie e di sovraffollamento e costituisse dunque un pericolo per la vita delle persone che vi erano a bordo”. Dopo avere ricordato che secondo le Convenzioni internazionali, la legge del mare, il testo nazionale del Sar e lo Iamsar Manual, “qualunque imbarcazione, anche militare, che incontri un’altra imbarcazione che si possa considerare in una situazione di ‘distress’ ha l’obbligo di soccorrere”, la ong evidenzia come il mezzo militare “si sia limitato a fare riprese fotografiche e video ai soccorritori, senza neppure segnalare alle autorità di coordinamento degli Stati costieri la presenza di persone in difficoltà a bordo”. Alla luce di questi dati, Open Arms ha chiesto alla magistratura “di verificare le condotte descritte per stabilire se possa essere riscontrata una condotta omissiva o negligente”.  AGENZIA DIRE

open arms

Related Posts

Lascia un commento