murata-dal-27-in-campo-mister-angelini:-“mi-calo-in-un-mondo-per-me-nuovo”-•-newsrimini.it

Murata dal 27 in campo. Mister Angelini: “Mi calo in un mondo per me nuovo” • newsrimini.it

Il Murata tornerà in campo per gli allenamenti sotto la guida del nuovo mister Beppe Angelini nelle giornate di martedì 27, mercoledì 28 e venerdì 30 sul campo di Montecchio e giovedì 29 a Gatteo.

Quattro giornate di lavoro in cui l’allenatore conoscerà prima di tutto i giocatori – alcuni dei quali ha già visto all’opera anche direttamente (ha allenato ad esempio Gaiani al settore giovanile del Cesena) – sotto il profilo tecnico e non solo. Ascolterà il loro pensiero, spiegherà loro il suo progetto tecnico tattico che ovviamente andrà calibrato sulle caratteristiche dei protagonisti, cercherà soprattutto di portare entusiasmo, voglia di lavorare con spensieratezza perché il calcio – come dice il mister – è prima di tutto divertimento.

L’avvento di Angelini sulla panchina del Murata ha colto tutti in contropiede, sul Titano e in Italia: colleghi, giocatori, dirigenti. Il Titano ha avuto un sussulto, il club – ultimo in classifica – è salito alla ribalta mediatica e si è acceso un faro.

I dirigenti hanno cercato il meglio sul mercato per dare una svolta alla stagione fin qui meno che anonima e rivitalizzare l’ambiente con un allenatore esperto di campionati professionistici.

In sintonia con Angelini la società sta cercando dei rinforzi sul mercato di gennaio in modo da assortire al meglio la rosa che perderà due petali: il portiere Manzaroli per motivi di famiglia e l’attaccante Baldini destinato al Vismara (Prima Marche). Trattative sono già avviate, ma è chiaro che non ci saranno spese pazze e si punterà prima di tutti sui giovani come dimostra l’arrivo di Jacopo Semprini (classe 2002).

Mister Angelini, perché ha accettato l’offerta del Murata?
“Non ho avuto richieste in Italia, ho valutato con attenzione la richiesta del club che è composto da dirigenti appassionati, persone serie, che tengono a fare bene. Mi calo in una realtà che non conosco se non di riflesso, per me sarà una scoperta quotidiana da qui alla fine del campionato. Il mio compito non sarà esclusivamente sul campo”.

Resterà per più stagioni?
“Per esperienza, l’ultima a Livorno, so che progetti a lunga distanza è meglio non farne specialmente nel mondo del calcio. È possibile, comunque, con la società ci siamo dati appuntamento a fine stagione quando valuterà il mio lavoro e io avrò una conoscenza più approfondita di questo mondo per me del tutto nuovo”.

Qual è l’obiettivo?
“Portare la mia esperienza nel club perché il Murata vuole risalire la classifica e spero di essere di aiuto anche al movimento in generale. Il mio obbiettivo è portare entusiasmo, il calcio è gioia e noi dobbiamo prima di tutto divertirci. Non lavorerò da solo, i dirigenti più vicini alla squadra come Manuel Marani e Nicola Albani saranno preziosi collaboratori e così gli uomini al mio fianco sul campo. Il Murata potrà crescere come società grazie ad un lavoro di equipe”.

Intanto il direttore sportivo Francesco Donnini ha rassegnato le dimissioni dopo l’esonero di mister Roberto Sarti: “Ringrazio la società per la fiducia ma sono venute a mancare le condizioni per allestire un programma futuro di comune accordo”.

Related Posts

Lascia un commento