motogp-2022-gp-d'austria-al-red-bull-ring-fp2,-fabio-quartararo-gladiatore-tra-le-ducati-–-motogp-–-moto.it

MotoGP 2022. GP d'Austria al Red Bull Ring. Fp2, Fabio Quartararo gladiatore tra le Ducati – MotoGP – Moto.it

Sette Ducati nei primi otto, con Johann Zarco davanti a Jack Miller e Jorge Martin. Quarto Fabio Quartararo, quinto Francesco Bagnaia, sesto Luca Marini, settimo Marco Bezzecchi, ottavo Enea Bastianini, 17esimo Franco Morbidelli, 18esimo Andrea Dovizioso, 19esimo Fabio Di Giannantonio, 20esimo Lorenzo Savadori. Aprilia nona con Maverick Vinaoles, 11esima con Aleix Espargaro. I primi dieci in 0”291, i primi 19 in meno di un secondo (0”863)

19 agosto 2022

Zeltweg – Anche con la nuova chicane, Zeltweg si conferma pista Ducati: sette DesmosediciGP nei primi otto posti. Solo Fabio Quartararo prova a ribellarsi: quarto a 0”040, in una classifica cortissima, con i primi dieci piloti in 0”291. Fabio si difende con tutto il suo talento, ma è chiaro che la Ducati fa la differenza, assieme, naturalmente, alla capacità dei suoi piloti di sfruttare al meglio la gomma morbida, montata nel finale mentre cadeva qualche goccia di pioggia, che non ha minimamente rallentato la corsa verso la prima posizione.

Zarco davanti a tutti non è una sorpresa, ma la conferma di un ottimo stato di forma, al di là della caduta di Silverstone mentre era in prima posizione.

Alla sue spalle, Jack Miller (+0”024) e Jorge Martin (+0”029), con lo spagnolo che si esalta sempre su questo tracciato: per il momento, vince la sfida con Enea Bastianini, comunque ottimo ottavo (a 0”229).

Pecco Bagnaia è quinto e sempre costante: insomma, a Borgo Panigale possono stare sereni, con il solo Fabio Di Giannantonio che sembra faticare, 19esimo.

Da segnalare che Bagnaia, Miller, Martin, Zarco e Marini hanno usato la carenatura un po’ più grande (riconoscibile dalle alette a filo con il bordo carena, foto nel live).

Quartararo si difende

Tra tante Ducati, spicca il quarto posto di Quartararo, che non si vuole dare per vinto nonostante l’evidente inferiorità tecnica, perlomeno in rettilineo e in potenza massima. Fabio continua a spingere fortissimo: per lui si prospetta una gara difficilissima, ma gli avversari sanno anche che non sarà comunque facile tenerlo dietro.

Fino al momento di montare le gomme slick morbide nuove, anche Franco Morbidelli stava andando forte, con una buona costanza, ma, purtroppo, non si è migliorato, come succede spesso quando c’è da fare l’attacco al tempo. Peccato, ma un piccolo passo in avanti si è visto.

Aprilia, non è la sua pista

Le statistiche dicono che il miglior risultato ottenuto qui dall’Aprilia è un decimo posto e anche le FP2 confermano che questo non è il miglior tracciato per la moto di Noale: Maverick Vinales è nono, Aleix Espargaro 11esimo.

Rispetto al passato, la RS-GP è sicuramente più competitiva, ma è evidente che ci sono più difficoltà del solito. La KTM mette un pilota nei dieci, la Honda e la Suzuki nemmeno uno.

I dieci in Q2

Ecco i dieci piloti al momento in Q2: Zarco, Miller, Martin, Quartararo, Bagnaia, Marini Bezzecchi, Bastianini, Vinales, Binder.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.