mostre,-l’epopea-pop-di-dante-al-mar-di-ravenna

Mostre, l’Epopea Pop di Dante al Mar di Ravenna

Dal 25 settembre una narrazione di parole, suoni e immagini

(ANSA) – RAVENNA, 20 SET – Al Mar-Museo d’arte della città di Ravenna una mostra racconta l’epopea popolare di Dante Alighieri e del suo poema. Una narrazione di parole, suoni e immagini, dal cinema alle canzoni, dalla pubblicità ai fumetti, dal writing alla miriade di oggetti che ne riproducono la celebre icona, fino alle visioni dell’arte contemporanea. ‘Un’Epopea Pop’, dal 25 settembre al 9 gennaio, è curata da Giuseppe Antonelli e conclude il ciclo espositivo ‘Dante. Gli occhi e la mente’, promosso dal Comune, dopo ‘Inclusa est flamma’ e ‘Le Arti al tempo dell’esilio’.

    C’è il Dante simbolo dell’identità culturale italiana ed europea, la cui effigie passa dalle lire agli euro. C’è l’immagine di Dante usata – già da tempo – come marchio commerciale e in chiave pubblicitaria come la celebre affiche di Olivetti, scelta come immagine della mostra. C’è il Dante personaggio che ritorna nelle trame di libri, film, giochi e videogiochi, fino alla “fortuna mnemonica” dei versi della Commedia, ripercorsa attraverso alcuni episodi chiave che vanno dal Trecento ad oggi. La mostra si articola in diverse sezioni: La memoria di Dante, Dante e l’immagine, Dante e la pubblicità, La divina parodia, Dante personaggio, Dante e Beatrice, con più di un centinaio di opere e oggetti tra i più disparati. Numerosi i contributi audio e video, anche interattivi. Una mostra dal carattere multimediale, in larga parte accompagnata dalla voce di grandi interpreti che si sono cimentati nella lectura Dantis.

    Intrecciato all’intero progetto espositivo, si snoda un percorso d’arte contemporanea a cura di Giorgia Salerno, una voce fuori campo che vede il dialogo fra le opere di artisti internazionali scelte per reinterpretare idealmente alcuni temi danteschi che faranno da guida al pubblico.

    Per ogni tema scelto – le anime, le figure femminili, il sogno, il viaggio e la luce – sono stati individuati uno o più artisti, come Edoardo Tresoldi, Irma Blank, Tomaso Binga, Richard Long, Letizia Battaglia, Kiki Smith, Ra di Martino, Robert Rauschenberg e Gilberto Zorio. (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *