masterchef-italia:-cos’e-successo-nella-puntata-del-4-gennaio

Masterchef Italia: cos’è successo nella puntata del 4 gennaio

La quarta serata di MasterChef Italia è stata un viaggio nella cucina moderna italiana con la Golden Mystery Box e il primo Skill Test della stagione.

Per chi si fosse perso la puntata, che si può rivedere on demand sy Sky, ecco un breve riassunto.

Gli eliminati

I tre giudici Bruno BarbieriAntonino Cannavacciuolo Giorgio Locatelli hanno decretato due eliminazioni: a lasciare sono Andrealetizia, che toglie il grembiule dopo un ballottaggio molto sofferto proprio col suo fidanzato Nicky Brian, e Rita, salutata con grande dispiacere ai suoi colleghi.

La nuova Mystery Box

Se in passato la Mystery Box era una prova quasi sottovalutata, questa settimana i giudici l’hanno resa invece ancora più importante, trasformandola in una Golden Mystery Box. In premio, per i migliori, c’è la balconata, evitando così l’Invention Test e il rischio di eliminazione.

I prodotti della Golden Mystery Box

Dentro la box scintillante si nascondono 10 condimenti provenienti da ogni parte del mondo, i concorrenti ne devono scegliere uno per la preparazione di un piatto che ne esalti il sapore:

  • il burro norvegese Sandefjord,
  • l’Irish Champ, la salsa Rouille o maionese provenzale,
  • il Chimichurri argentino,
  • la Jäger Sauce svizzera,
  • la Mojo delle Canarie,
  • l’aspra salsa georgiana Tkemali,
  • la Mole messicana con peperoncino,
  • la Nuoc Mam a base di pesci fermentati,
  • il Ponzu giapponese con aceto di riso.

I migliori piatti

I tre giudici eleggono come miglior piatto Colazione a Kyoto di Mime, in grado di esaltare la salsa Ponzu, impreziosita con zenzero, vongole e capesante. Salgono subito in balconata anche Tracy grazie a Baccalà alla Norvegese, cucinato con burro Sandefjord, porro fritto e centrifuga di sedano, lattuga mela verde e zenzero; Lia, che ha impiattato come uno spiedino gourmet di anatra e ananas il suo Cena a Bangkok, con salsa Nuoc Mam su besciamella di cocco al peperoncino e salsa al curry thai; infine lo studente 18enne Carmine, con il piatto O.Y.M. (Open Your Mind), tataki di tonno al sesamo su emulsione al Ponzu, con melanzana fritta ripiena, colatura di latte di cocco e burrata, e olio al basilico.

L’invention test

Dopo il giro del mondo, l’Invention Test si è focalizzato sulla cucina moderna dove la tradizione italiana incontra l’innovazione grazie a due ospiti speciali: Sarah Cicolini, giovane chef abruzzese con due Gamberi sulla guida del Gambero Rosso e proprietaria del ristorante Santo Palato a Roma, presenta i suoi Rigatoni alla Pajata con crema di pecorino, erbe fresche e concassé di pomodoro e Diego Rossi del ristorante Trippa a Milano, chef dell’anno 2020 per Identità Golose, che mostra il suo Vitello tonnato condito con salsa tonnata e capperi di Pantelleria, pepe nero e sale.

I cuochi amatoriali devono riprodurre uno dei due piatti in un’originale versione: il migliore è Tra me e mamma, il vitello tonnato e tonno scottato con cetriolino fritto di Mery, mentre i piatti peggiori sono Pajata a modo mio cucinato da Federico, con besciamella al latte di cocco e pecorino con lardo e basilico; Pajata in tre con basilico viola e crema di pajata e ricotta, e Pajata ‘a capa ‘e sotto con soffritto di pomodori con olive e acciughe su fonduta di pecorino e parmigiano, cucinati dalla coppia di fidanzati Nicky Brian e Andrealetizia. I giudici decidono che è proprio quest’ultima a doversi sfilare il grembiule e tornare a casa, salutando i fornelli di MasterChef Italia.

Lo Skill Test

Il primo Skill Test della stagione ha il sapore dolcissimo del miele, ma nasconde insidie e difficoltà: tre prove ideate ciascuna da uno dei tre giudici, ogni cuoco può conquistare in qualsiasi momento la salvezza, in caso contrario si va avanti e si accede al livello successivo fino alla sfida finale che porta all’eliminazione.

Mery, vincitrice dell’Invention Test, conquista grazie a questa vittoria due preziosi vantaggi: può scegliere chi tra Nicky Brian e Federico, i peggiori della prova precedente, parteciperà già al secondo step e chi solamente all’ultimo livello, e decide di premiare il primo dando una sola chance di salvezza al concorrente di origini argentine; in più, ottiene anche l’importante opportunità di porre una domanda preziosa al giudice che ha ideato lo step che la vedrà impegnata.

Il primo livello riguarda la tecnica della mantecatura, che chef Barbieri mostra applicata al suo delizioso Orzotto al miele e alle erbe di montagna con soffritto di lumache, aglio e prezzemolo.

I concorrenti hanno 40 minuti di tempo per cucinare un piatto che presenti una perfetta mantecatura al miele, riuscita al 42enne siciliano Pietro in Dolce Ritorno (orzotto alle pere con noci, miele ed erbette con cipolla stufata); alla nutrizionista 30enne Anna (grazie a Mielecatura, un risotto con asparagi, stracchino e miele con crema di sedano, lardo e mandorle); a Mime e il suo Cercatore di funghi nel bosco di Vallombrosa (una crema di zucca, miele, curcuma e formaggi con funghi e asparagi); al 64enne Bruno con Incontro clandestino tra il castelmagno e il miele (un risotto al castelmagno con miele, noci e paprika); a Tracy e il suo Riso verde speranza (con erbette e lumache mantecate al miele con cialda di Parmigiano); e ancora alla commessa 39enne Tina grazie al risotto Valtrebbia (con zucca, miele, peperoncino e noci); infine alla personal trainer Mary negli spaghetti Tra dolce e salato (con zucca, Castelmagno, noci e miele).

Tutti gli altri, assieme a Nicky Brian, sono attesi dal secondo livello, dove chef Locatelli chiede di realizzare in 30 minuti un piatto in cui il miele venga impiegato per la laccatura dell’anatra e l’anti-imbrunimento dei vegetali, e mostra loro il suo Petto d’anatra laccato al miele con carciofi ed erba cipollina.

Superano questo step Andrea con Sweet and smoked duck (petto d’anatra affumicato e laccato al miele con nespole, cipolle e taccole); Polone grazie a Polone positivo (laccato con miele e pere); infine la 30enne Lia con Al contadino non far sapere (con chips di pere e di patate).

Pasticceria col miele

Il terzo e ultimo step, a cui si aggiunge Federico, è dedicato alla pasticceria e chef Cannavacciuolo svela un suo delizioso dessert con Idromele, polline e favo crudo, prima di concedere ai concorrenti 70 minuti per preparare un dolce coi medesimi ingredienti. Salgono in balconata Dalia grazie al tortino Ups m’è cascata l’ideaChristian con l’omonimo bignè ripieno; Elena per la crostatina Api nel piattoFederico grazie agli Struffoli 2.0; infine in extremis si salva anche Nicholas con il suo Pan di spagna al polline destrutturato. La terza eliminata di questa edizione è l’imprenditrice 53enne catanese Rita: la sua tartelletta di frutta Non mollare mai, con crema pasticcera, miele e favo crudo non convince i giudici, così è costretta a togliere il grembiule salutando i suoi colleghi che, tra le lacrime, le dedicano un ultimo applauso.

Quando è la prossima puntata di Masterchef

Nell’appuntamento della prossima settimana – giovedì 13 gennaio alle 21.15 su Sky e in streaming su NOW – MasterChef Italia tornerà per una serata che promette di essere all’insegna dell’emozione. E delle sfide che, come sempre, non lasceranno alcuna possibilità di appello agli aspiranti chef: conquistare la balconata sarà difficilissimo.

L’articolo Masterchef Italia: cos’è successo nella puntata del 4 gennaio proviene da InformaCibo.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *