la-rete-di-bisignani,-i-pranzetti-di-italcementi,-le-polizze-dem-di-unipol

La rete di Bisignani, i pranzetti di Italcementi, le polizze dem di Unipol

Tim, rete, Bisignani, Meloni, Pd, Unipol, Italcementi e non solo. Pillole di rassegna stampa nei tweet di Michele Arnese, direttore di Startmag

IL PD VISTO DA VELARDI

“Comunque un partito che candida il lucano Roberto Speranza in Campania e il campano Enzo Amendola in Basilicata è un partito che ha paura di sé stesso”. (Claudio Velardi)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 21, 2022

LE POLIZZE DEL PD

Lite Ruberti-De Angelis.

“Una lite su cui buona parte dei dem romani getta l’ombra di una richiesta indecente: polizze per Roma Capitale in cambio di voti”. (Corriere della sera)

Vladimiro De Angelis, broker assicurativo Unipol, lavora con Asl del frusinate. (Repubblica)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 20, 2022

Ipotesi rifiuto di Ruberti di avallare lo sbarco del fratello dell’ex europarlamentare Pd De Angelis nella Capitale per gestire qualche maxi appalto assicurativo, forse anche in Campidoglio, forte delle sue entrature a Frosinone e provincia con associate di Unipol. (Corsera)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 21, 2022

MELONI NELLA RETE DI BISIGNANI

Rete Tim. “La logica del piano della patriota Giorgia Meloni è senz’altro coerente: non si possono lasciare infrastrutture strategiche in mano ai privati, soprattutto se stranieri”. (Luigi Bisignani, Il Tempo)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 21, 2022

“Per Fratelli d’Italia e Lega, Tim Brasil è sacrificabile per finanziare lo sviluppo delle rete Telecom”. (Luigi Bisignani, Il Tempo)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 21, 2022

PILLOLA MELONIANA

Il giudizio di Meloni sul no di Mattarella a Savona come ministro dell’Economia. A futura memoria, si direbbe… (fonte: “Io sono Giorgia”, maggio 2021) pic.twitter.com/SWT724GNKE

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 19, 2022

I PRANZI APPARECCHIATI DA ITALCEMENTI

Il cemento di Italcementi. (Fonte: Luca Palamara intervistato da La Verità) pic.twitter.com/AX1wxBXSZ3

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 20, 2022

I NUMERETTI DI TABARELLI

“Da noi l’elettricità, il vettore sempre più presente nei processi produttivi, alle imprese costa oltre 40 €cent/kWh, mentre negli Usa non supera i 10 €cent”. (Davide Tabarelli, economista, presidente di Nomisma Energia)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 19, 2022

“Avessimo più produzione nazionale, come ha la Norvegia, e più rigassificatori, come hanno Spagna e UK, i prezzi sarebbero più bassi e, soprattutto, il quadro per il prossimo inverno sarebbe meno fosco”. (Davide Tabarelli, economista, presidente di Nomisma Energia)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 19, 2022

BUROCRAZIA RINNOVABILE

“Rinnovabili: il 70% dei progetti bloccato da vincoli al paesaggio. L’ingorgo della procedura di Valutazione d’impatto ambientale: il ministero della Transizione dà il via, ma poi c’è il no dei Beni culturali”. (Sole 24 ore)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 21, 2022

QUISQUILIE & PINZILLACCHERE

Gli anziani vogliono insegnare ai giovani cosa sia la blockchain. Bon. pic.twitter.com/lAOACjLCJM

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 14, 2022

Comunque i servizi di sicurezza nazionale per i vertici istituzionali in Finlandia mi pare siano un po’ laschi.

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 20, 2022

A naso, direi che nessuna delle tonitruanti promesse elettorali dei partiti sarà realizzata nell’arco del prossimo anno. Così, dico a naso. Ma ovviamente spero di sbagliarmi.

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 19, 2022

“Se alla fine la coalizione di destra vincerà le elezioni, com’è probabile, l’antifascismo «largo» si sarà dimostrato ancora una volta lo strumento politico di una parte minoritaria che non sa più parlare altrimenti agli elettori”. (Giovanni Orsina, politologo)

— Michele Arnese (@Michele_Arnese) August 18, 2022

+++

ESTRATTO DI UN ARTICOLO DEL CORRIERE DELLA SERA SU PD, REGIONE LAZIO, CAMPIDOGLIO E UNIPOL:

Reggerà la versione del diverbio per motivi calcistici una volta che i protagonisti della lite alla Taverna da Plinio, a Frosinone, saranno chiamati dai magistrati? È l’interrogativo che in queste ore agita chi due mesi fa ha partecipato alla cena elettorale nel ristorante del centro con Albino Ruberti, ex capo di gabinetto del sindaco di Roma Roberto Gualtieri, la sua compagna Sara Battisti, consigliere regionale dem, l’ex candidato pd Francesco De Angelis (ha rinunciato) e il fratello assicuratore Vladimiro, insieme con Adriano Lampazzi, sindaco di Giuliano di Roma, nel Frusinate, più altri.

La procura ha aperto un fascicolo conoscitivo e ha acquisito il video nel quale Ruberti, da molti ritenuto un personaggio chiave del Pd romano e regionale, replica con veemenza e minacce di morte («Ti sparo, vi ammazzo!») alla frase che secondo quanto si intuisce dalla registrazione gli avrebbe detto proprio Vladimiro De Angelis: «Me te compro».

Il riferimento, secondo testimonianze tutte da provare raccolte a Frosinone — dove quanto accaduto era noto da circa un mese (come conferma l’ex sindaco Nicola Ottaviani, ora coordinatore provinciale della Lega e candidato alla Camera) — potrebbe essere al rifiuto di Ruberti di avallare lo sbarco del fratello dell’ex europarlamentare Francesco De Angelis nella Capitale per gestire qualche maxi appalto assicurativo, forse anche in Campidoglio, forte delle sue entrature a Frosinone e provincia con «Sicura srl» e «Uniassifin», associate di Unipol. Un giro d’affari notevole se si pensa che proprio la Asl di Frosinone è fra i clienti più importanti, come anche la Regione Lazio i cui dipendenti hanno una convenzione con Unipol Sai. Da qui nascerebbe il «me te compro» che ha mandato Ruberti su tutte le furie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.