la-cappella-delle-meraviglie-nel-cuore-della-costa-azzurra

La cappella delle meraviglie nel cuore della Costa Azzurra

Parlare di Costa Azzurra vuol dire, inevitabilmente, fare un sogno a occhi aperti. Lo stesso che accomuna da secoli viaggiatori, vacanzieri, principi e imprenditori, e poi ancora artisti che hanno scelto di trasformare questo territorio nella loro musa.

Tutto ciò che conosciamo di quella porzione della costa della regione francese Provenza-Alpi-Costa Azzurra, ci incanta da sempre. E non abbiamo di certo bisogno di elencare tutti i motivi che rendono un viaggio qui un’esperienza indimenticabile.

Quello che possiamo fare, però, è parlarvi di un luogo che non tutti conoscono. Un capolavoro artistico e religioso, ma anche spirituale e mistico che lascia senza fiato e che si trova proprio in Costa Azzurra. Si tratta di una cappella delle meraviglie, quella di Saint-Pierre, che porta la firma indelebile di Jean Cocteau.

Villefranche-sur-Mer: la cappella di Saint-Pierre

Per scoprire questo luogo che sembra uscito da una favola, dobbiamo recarci in uno dei luoghi più suggestivi della Francia. Un porto bagnato da acque cristalline e da una vegetazione lussureggiante e rigogliosa.

Ci troviamo a Villefranche-sur-Mer, un delizioso paesino di pescatori incastonato tra Nizza e Monaco, e caratterizzato da case colorate che si affacciano sul mare turchese che brilla sotto il sole. Le passeggiate che conducono sul lungomare o nei vicoli stretti e suggestivi, si trasformano in un’esperienza di viaggio senza uguali da vivere a ritmo slow.

Seguendo le barche dei pescatori, che ondeggiano sinuosamente nei pressi del molo, è possibile raggiungere il porto. È proprio lì che si trova la meravigliosa cappella di Saint-Pierre decorata da Jean Cocteau nel 1957.

La visione poetica di Jean Cocteau

Entrare nella piccola cappella di Saint-Pierre è come fare un viaggio un universo inedito e straordinario, fatto di spiritualità, ma anche di fascino e mistero. Un’opera visiva e poetica che porta la firma riconoscibile del grande Jean Cocteau.

Le origini della cappella di Saint-Pierre, che risalgono al XII secolo, sono strettamente collegate alla storia stessa di Villefranche-sur-Mer e alla volontà dei pescatori locali di dedicare un luogo sacro al loro patrono, San Pietro.

Per molto tempo, però, la cappella in completo stato d’abbandono fu utilizzata soprattutto come deposito per le reti dei pescatori, vista la vicinanza col Port de la Santé. Fu solo all’inizio degli ’50 che il poeta ebbe l’idea di ristrutturarla con una sua personale visione, la stessa che ha caratterizzato la sua intera opera.

I lavori di ristrutturazione, degli interni e degli esterni, cominciarono il 5 giugno del 1956, dopo una lunga trattativa condotta con l’amministrazione locale e i pescatori. Jean Cocteau si occupò in prima persona di realizzare gli affreschi interni, mentre per il restauro esterno scelse di collaborare con alcuni esperti regionali.

Così nasceva uno dei più grandi capolavori della Costa Azzurra. L’edificio accoglie i visitatori con decorazioni geometriche e colorate che si stagliano sul mare azzurro che fa da sfondo. All’interno, invece, 5 scene sapientemente disegnate raccontano la storia di San Pietro. Tra gli episodi della vita del Santo, però, appaiono anche simboli mistici e riferimenti all’intera produzione artistica del poeta. Le pareti laterali addossate all’ingresso, invece, sono di stampo profano e sono ispirate ai gitani del villaggio di Les-Saintes-Maries-de-la-mer e alle ragazze di Villefranche-sur-Mer.

Così è stata creata la cappella delle meraviglie, un luogo silenzioso e incredibile dove va in scena la grande bellezza, quella che incontra la religione e l’arte, pensata da Jean Cocteau.

Related Posts

Lascia un commento