l

Il 24 ottobre diretta da Fabio Luisi con Gil Bae al pianoforte

L’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, una delle massime istituzioni musicali italiane, torna al Teatro “Claudio Abbado” per uno dei concerti più attesi della stagione di Ferrara Musica, il 24 ottobre alle 20.30 con la bacchetta del suo direttore emerito, Fabio Luisi. Tra i più richiesti e autorevoli del panorama internazionale, il sessantatreenne maestro genovese accompagnerà la pianista Gil Bae.

    Tutto dedicato a Beethoven il programma della serata, con l’esecuzione del Concerto N. 1 per pianoforte e orchestra in do maggiore e della Sinfonia N. 7 in la maggiore. Composto nel 1795 e presentato per il suo debutto al Burgtheater di Vienna il 2 Aprile 1800, viene catalogato come primo, ma è cronologicamente il secondo. Lavoro di chiara ascendenza mozartiana, dalla musicalità brillante e festosa, presenta un discorso musicale piacevole ed elegante, ed è caratterizzato da alcuni tratti stilistici peculiari, a cominciare dal robusto pianismo che sorregge il tema estroverso dell’Allegro.

    La seconda parte del concerto è dedicata alla Settima Sinfonia, un brano composto da Beethoven tra il 1811 e 1812 ed eseguito per la prima volta l’8 dicembre 1813 a Vienna, con la sua grande vitalità ritmica, l’uso sperimentale delle relazioni tonali e la presenza di elementi estrosi e stravaganti che stupirono il pubblico dell’epoca.

    Colpito dall’elemento ritmico che pervade l’intera partitura, Richard Wagner la definì “l’apoteosi della danza” e lo stesso Beethoven la ritenne “la più eccellente” tra le sue opere.

    Direttore musicale della Dallas Symphony Orchestra e da questa stagione della NHK Orchestra di Tokyo, Fabio Luisi è già stato ospite di Ferrara Musica nella stagione 2010/2011. Classe 1994, Gile Bae, che ha esordito a soli cinque anni, rivelando doti eccezionali, ha studiato con Franco Scala all’Accademia Pianistica Internazionale di Imola, dove si è diplomata nel 2020. (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento