inventing-anna,-la-giornalista-amica-della-vera-anna-sorokin-fa-causa-a-netflix:-“rappresentata-come-avida,-codarda,-manipolatrice-e-opportunista”-–-il-fatto-quotidiano

Inventing Anna, la giornalista amica della vera Anna Sorokin fa causa a Netflix: “Rappresentata come avida, codarda, manipolatrice e opportunista” – Il Fatto Quotidiano

Rachel DeLoache Williams fa causa a Netflix. L’ex redattrice della sezione fotografica di Vanity Fair ha citato in giudizio la piattaforma streaming per diffamazione. Il motivo? La sua inqualificabile rappresentazione nella serie di successo Inventing Anna. La Williams è tra i personaggi reali che sono state raffigurati nella vita reale della “falsa ereditiera” Anna Delvey, alias Anna Sorokin, una truffatrice russa che fece credere di essere un’ereditiera tedesca per introdursi nelle alte sfera della New York benestante. Nella causa per diffamazione la Williams ha affermato che nella serie di Netflix è stata rappresentata come “una persona avida, snob, sleale, disonesta, codarda, manipolatrice e opportunista”. Un ritrattino che non corrisponde, secondo la donna, al vero. Williams divenne amica della manipolatrice Sorokin nel 2016, ma in seguito venne truffata dalla ragazza per 62.000 dollari. Il conto di uno stravagante viaggio di sei notti in Marocco assieme a lei che la Delvey sosteneva di aver pagato in precedenza.

Nel 2019 la Williams testimoniò in lacrime in tribunale su come aveva avuto l’impressione che Sorokin aveva coperto i costi de viaggio e affermò che da quel momento iniziò a soffrire di stress e ansia per un debito che non le spettava. Nella loro azione legale, presentata lunedì, i legali della ex giornalista hanno affermato: “A causa della falsa rappresentazione della Williams da parte di Netflix come una persona vile e spregevole, la nostra assistita ha ricevuto una marea di offese online, migliaia di tali messaggi offensivi, creando un danno catastrofico alla sua reputazione”. “Non contestiamo il diritto di Netflix di avere un personaggio sgradevole nella serie – proseguono i legali – ma se hanno scelto di basare il personaggio su di lei e di interpretare il personaggio in modo negativo, avrebbero dovuto dare al personaggio un nome fittizio, cambiandone i dettagli identificativi in modo che nessuno potesse credere che il personaggio fosse un ritratto (…) Netflix ha dato nomi di fantasia a molti dei protagonisti della vita reale nella saga di Sorokin che appaiono nella serie, ma non ha offerto alla Williams la stessa protezione”. Nella serie la Williams è interpretata da Katie Lowes. La BBC ha richiesto un commento sulla vicenda a Netflix senza ricevere risposta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:

portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.

Grazie Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Amici’, Giulia Pauselli e Marcello Sacchetta sono diventati genitori ma la foto inganna i fan

next

Related Posts

Lascia un commento