insegue-moglie-dopo-lite-e-spara,-arrestato-nel-parmense

Insegue moglie dopo lite e spara, arrestato nel Parmense

Femminicidio sfiorato nella notte nel Parmense. Intorno alle 2, al culmine di una lite domestica tra marito e moglie di Soragna, la donna – 50enne – scappa di casa in auto spaventata. Il consorte, 60 anni, prende la sua pistola, regolarmente detenuta, e la insegue speronandola varie volte. La donna, impaurita, telefona al 112 e l’operatore la conduce davanti alla caserma dove fa convergere due pattuglie. Davanti ai militari l’uomo spara alla donna due colpi ferendola, di striscio, a una spalla. Viene arrestato in flagranza per tentato omicidio. Lei è al Maggiore di Parma, in prognosi riservata ma non in pericolo di vita.

Sul posto il personale sanitario del 118, che ha portato la vittima in codice rosso in ospedale a Parma. La donna, a quanto appreso, è stata colpita a una scapola. Pur avendo perso molto sangue, è sempre stata cosciente e non rischia la vita.

Decisivo l’intervento e il sangue freddo dell’operatore radiomobile del 112 che a telefono, durante la fuga della donna, inseguita e speronata dal marito, l’ha rassicurata e alla fine condotta davanti alla caserma, prendendo tempo prezioso per far convergere lì due pattuglie. Sul posto i militari della squadra radiomobile di Fidenza e i colleghi della stazione di Busseto, in servizio preventivo in area.

Secondo quanto ricostruito, arrivando davanti alla caserma, stremata, la donna è scesa dall’auto, vedendo arrivare i carabinieri. L’uomo però a quel punto, sentendosi braccato, ha puntato la pistola contro di lei e ha esploso due colpi. Uno solo andato a segno. Pochi secondi dopo era bloccato e in arresto. Non ha puntato l’arma sui militari. La coppia, italiana, non era nuova a liti domestiche, ma – a quanto riferito – mai nulla di questa entità e non c’era mai stata alcuna denuncia di violenza o aggressione. Lui ha qualche piccolo precedente.

Il 60enne è stato anche denunciato per porto abusivo d’arma perché, pur essendo la pistola regolarmente detenuta, l’uomo non aveva porto d’armi e quindi non avrebbe potuto portarla fuori casa. Il fascicolo per tentato omicidio è stato aperto dalla pm di turno, sostituto procuratore Silvia Zannini. Il 60enne è in carcere a Parma in attesa dell’udienza di convalida, entro cinque giorni.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.