infermieri:-vietato-licenziarsi,-l’azienda-manda-diffide-protesta-nursing-up.

Infermieri: vietato licenziarsi, l’azienda manda diffide. Protesta Nursing Up.

Al Brotzu di Cagliari continuano le polemiche dopo le diffide inviate ad alcuni Infermieri da parte dell’Azienda per essersi licenziati: “decidiamo noi quando potete licenziarvi”. Protesta Nursing Up.

Riceviamo e pubblichiamo la nota di Diego Murracino, Dirigente Regionale Nursing Up Sardegna sul caso delle dimissioni negate agli Infermieri del Brotzu.

Il sindacato degli infermieri lancia l’allarme: si informano gli infermieri che hanno rassegnato le dimissioni dal Brotzu che la mail inviata dal Brotzu di differita delle stesse non ha valore giuridico.

Le dimissioni presentate nei termini di legge sono un atto di volontà e di libertà del lavoratore dimissionario.
Le dimissioni non necessitano il nulla osta da parte del datore di lavoro, tanto meno possono essere differite dalla Azienda.

L’Azienda Brotzu anche in questa circostanza manifesta scarso rispetto professionale e umano dei lavoratori arrivando ad arrogarsi il diritto di ostacolare la libera volontà e l’autodeterminazione di licenziarsi.

La Direzione del Brotzu deve rispettare i diritti dei lavoratori compreso il diritto al licenziamento.

La Direzione del Brotzu dovrebbe chiedersi il perché tanti infermieri si stanno licenziando dal Brotzu per prendere servizio presso le altre Aziende Sanitarie della Asl. Forse perché dai dati forniti dalla Direzione dell’Assessorato gli infermieri del Brotzu sono i meno pagati della Sardegna?

Forse perché lavorando al Brotzu si accumulano centinaia di ore in eccedenza che non vengono pagate o messo a recupero?

Il Sindacato degli Infermieri Nursing up informa gli infermieri dimissionari che anche se hanno ricevuto una lettera dal Brotzu simile al testo sottostante si possono considerare finalmente liberi dal Brotzu e possono intraprendere nuove attività lavorative.

L’articolo Infermieri: vietato licenziarsi, l’azienda manda diffide. Protesta Nursing Up. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.