in-texas-per-comprare-un’arma-bastano-5-clic

In Texas per comprare un’arma bastano 5 clic

In Texas, e non solo, comprare un’arma online è semplice come acquistare un paio di scarpe: oltre all’uso di armi in generale è il numero di adolescenti protagonisti di stragi come quelle di Buffalo e Uvalde. Fatti, numeri e commenti

 

Il 24 maggio scorso, Salvador Ramos, un diciottenne di Uvalde, una cittadina del Texas di 15mila abitanti, ha aperto il fuoco nella scuola elementare Robb, uccidendo 19 bambini e due insegnanti.

Quartz ha fatto un esperimento: comprare la stessa arma utilizzata dall’omicida. E non è stato poi così difficile.

LA SECONDA SPARATORIA PIÙ GRAVE IN UNA SCUOLA USA

“È la più grave strage in una scuola dal 2012, quando Adam Lanza uccise 20 bambini e 6 adulti nella scuola elementare di Sandy Hook, in Connecticut e arriva pochi giorni dopo quella in un supermercato di Buffalo, in cui sono morte 10 persone”, ha scritto il New York Times.

Ramos, ex studente della stessa scuola dove ha compiuto la strage, secondo le autorità texane, è entrato nell’edificio senza incontrare ostacoli ed è stato poi ucciso dalle squadre speciali che, però, stando al Nyt, sono arrivate solo un’ora dopo, provocando la rabbia dei familiari delle vittime.

LE PAROLE DI BIDEN

Il presidente Joe Biden, nel corso di un discorso alla nazione, ha detto che “l’idea che un diciottenne possa entrare in un negozio e comprare un fucile è sbagliata” e ha aggiunto che “è il momento di trasformare il dolore in azione e agire sulle armi”.

Tuttavia, secondo lo Houston Chronicle, “i democratici non hanno i voti necessari per approvare nuove leggi e sembra molto improbabile che i repubblicani accettino di collaborare”.

IL TEXAS E LE SUE LEGGI PERMISSIVE SULLE ARMI

Il Texas, tra l’altro, è uno degli Stati con le leggi sulle armi più permissive degli Stati Uniti. Come ricorda Internazionale, nel 2021, il governatore repubblicano Greg Abbott, ha firmato una legge che ha eliminato l’obbligo per i texani di ottenere una licenza di porto d’armi, consentendo praticamente a chiunque abbia più di 21 anni di portare sempre un’arma con sé.

La facilità con cui è possibile acquistare un’arma ha provocato, negli ultimi anni, diverse sparatorie in Texas.

ACQUISTARE UN’ARMA IN TEXAS È COME FARE UN ORDINE ONLINE

Quartz ha quindi provato a ordinare la stessa arma usata da Ramos per capire quanto effettivamente fosse difficile riuscirci.

Il video sul sito dove è possibile acquistarla mostra le caratteristiche del prodotto e, come riportato dall’articolo, afferma che il fucile pesa poco più di due chili, è “estremamente maneggevole” e “un’aggiunta perfetta per la cassaforte di chiunque”.

“Per ritirare l’arma – si legge su Quartz – è necessario dimostrare l’età e avere la fedina penale pulita, ma questi documenti non sono stati richiesti quando abbiamo effettuato l’ordine. A parte questo, si è trattato di un acquisto di routine. Tranne che, ovviamente, per la letalità del prodotto”.

Il DDM4V7, comprato da Ramos pochi giorni dopo il compimento del 18esimo anno di età, è un fucile semiautomatico prodotto da Daniel Defense, azienda con sede in Georgia, e viene venduto online a 1.870 dollari, tasse escluse.

La spedizione, che può avvenire solo con ritiro presso un rivenditore locale autorizzato, è gratuita. Lì verranno poi controllati un documento d’identità e un modulo di tre pagine per il controllo dei precedenti, che viene verificato tramite un database dell’Fbi accessibile dal negozio di armi.

Certo, non c’è la consegna a casa ma con cinque clic, un documento e un modulo ecco che, se vivi in Texas, l’arma è tua.

LE ARMI IN MANO AGLI ADOLESCENTI

Ma il Texas non è l’unico luogo americano dove è facile comprare un’arma. Questo, infatti, è possibile in ben 44 dei 50 Stati, tra cui anche New York.

Come ricorda il sito The Trace, che si occupa esclusivamente di notizie inerenti la violenza da armi da fuoco, “la legge federale consente l’acquisto di armi lunghe, compresi fucili e fucili da caccia, a partire dai 18 anni e solo una manciata di Stati [California, Florida, Hawaii, Illinois, Vermont e Stato di Washington, ndr] ha promulgato leggi che alzano l’età minima a 21 anni”.

Allo stesso tempo, tuttavia, ai minori di 21 anni, negli Stati Uniti, non è permesso acquistare alcolici o sigarette.

COSA DICONO GLI ESPERTI

Diverse ricerche, scrive The Trace, hanno dimostrato che gli adolescenti sono responsabili di una quota sproporzionata della violenza da arma da fuoco nel Paese e alcuni esperti sostengono che gli adolescenti “non hanno la maturità necessaria per usare responsabilmente le armi da fuoco”.

“Sebbene il cervello di un diciottenne sia simile a quello di un adulto maturo, i processi cognitivi chiave continuano a svilupparsi fino ai 26 anni. Questi includono il controllo degli impulsi, che può influenzare la capacità di un individuo di utilizzare in modo sicuro e appropriato una pistola”, ha scritto in un articolo del 2019 per The Trace Cassandra Crifasi, ricercatrice sulla violenza da armi da fuoco presso la Johns Hopkins.

Secondo un’analisi del 2020 dei dati sugli omicidi dell’Fbi effettuata da Everytown for Gun Safety, prosegue il sito, i giovani tra i 18 e i 20 anni sono responsabili del 18% degli omicidi con armi da fuoco, nonostante rappresentino solo il 4% della popolazione.

Inoltre, il think thank Rand Corporation ha dimostrato che l’innalzamento dell’età minima per la vendita di tutte le armi a 21 anni potrebbe ridurre i suicidi giovanili compiuti con un’arma da fuoco.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.