gloria,-oss:-“per-noi-neo-diplomati-solo-lavori-ignobili-e-paghe-da-fame;-anche-io-ho-scelto-la-professione-a-53-anni”.

Gloria, OSS: “per noi neo-diplomati solo lavori ignobili e paghe da fame; anche io ho scelto la professione a 53 anni”.

Salve Direttore,

anche io ho preso l’attestato OSS a 53 anni e dietro queste scuole c’è un business infinito, tra strutture dove si lavora gratis (lavoro mascherato da tirocinio) e retribuzione del minimo di legge, che trattiene la scuola d’accordo con la struttura.

Nelle strutture, fatte le dovute eccezioni, non vieni formata, ma ti lasciano in corsia da sola a cambiare i pazienti perchè manca il personale, ti chiedono cose di competenza infermieristica come fare flebo, posizionare l’ossigeno-terapia, praticare iniezioni sottocute o intramuscolo.

Se ti rifiuti ti sbattono fuori. Senza la preparazione che, poi alla fine non c’è, non ti fanno accedere agli esami, quindi devi lavorare tre mesi gratis e sopportare le ingiustizie.

Poi arrivi all attestato e il lavoro che trovi, se lo trovi, è solo nelle case di riposo o nelle RSA, dove i pretendenti sono tanti. La storia si ripete. Ti lasciano da sola a pulire 25 utenti con orari assurdi e paga da fame. Spesso ti pagano in nero. Questa è la situazione che si vive in Italia, non c’è il lavoro e quel poco che c’è è ignobile in tutti sensi.

Grazie.

Gloria Bertolelli, OSS

_____________________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a [email protected]
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AsssoCareNews.itLINK

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a [email protected]
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AsssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

Redazione AssoCareNews.it

Related Posts

Lascia un commento