gabriel-prokofiev,-nipote-di-sergej,-all

Gabriel Prokofiev, nipote di Sergej, all

Il 6 settembre a Imola e il 7 a Forlì

(ANSA) – IMOLA, 05 SET – Emilia-Romagna Festival prosegue il 6 settembre alle 21 nel Chiostro del Palazzo Vescovile di Imola ospitando Gabriel Prokofiev, compositore britannico fra i più interessanti del momento e quest’anno in residence al festival, che presenterà in prima esecuzione integrale italiana ‘Breaking Screens’, il suo nuovo progetto musicale, caratterizzato per una forte evidenza dell’elettronica. Gabriel Prokofiev, nipote del celeberrimo compositore russo Sergej, avrà come compagni di viaggio il Quartetto Noûs, Zoe Canestrelli alla viola e Marcello Sette al violoncello, musicisti che daranno vita ad un concerto che intreccia suoni acustici ed elettronici secondo una nuova tessitura sensoriale che esplora orizzonti musicali poco conosciuti.

    Due le tappe del progetto ‘Breaking Screens’, la prima domani a Imola, dove sarà anche possibile, prima del concerto, effettuare una visita guidata all’Appartamento Rosso del Museo Diocesano; la seconda tappa, la sera successiva, il 7 settembre a Forlì (Sala del refettorio Musei San Domenico, ore 21).

    Il programma prevede una prima parte con composizioni del primo decennio degli anni duemila come ‘Howl per violino & electronics’ e ‘Cello multitracks per violoncello & electronics’, ma anche il suo primo quartetto e il suo remix. La seconda parte invece vede dar vita a composizioni più recenti, dei primi anni venti del XXI secolo: una ‘Pastoral Reflections’ per sestetto d’archi, ispirata alla famosa Sesta Sinfonia di Beethoven (intitolata appunto ‘Pastorale’ per il carattere bucolico che presenta) e composta in occasione del 250/o anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven, e una selezione di movimenti tratti da Breaking Screens, sempre per sestetto & electronics, brano che dà poi il titolo a tutto il concerto. (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento