fumare-in-auto,-quando-si-puo-fare-e-quando-e-proibito?-ecco-cosa-dice-la-legge

Fumare in auto, quando si può fare e quando è proibito? Ecco cosa dice la legge

Quando si può fumare in auto e quando invece è proibito? Ecco cosa dicono le leggi contro il fumo di sigaretta e di sigaretta elettronica

Fumare all’interno dei luoghi pubblici è proibito. Lo ha stabilito la legge n. 3 (art. 51) del 16 gennaio 2003, denominata “Tutela della salute dei non fumatori“. Non si può più, dunque, fumare al cinema, negli esercizi commerciali o nelle palestre. In alcuni luoghi, come in quelli adatti alla ristorazione, negli aeroporti o negli ospedali, è possibile fumare, ma solo in aree adibite a questa attività. Dal 2013, inoltre, non si può più fumare nelle scuole, e nemmeno fuori al cortile. E fumare in auto è vietato oppure no?

Nelle leggi appena nominate non si parla del fumo di sigaretta nelle automobili private. Queste non sono, principalmente, luoghi pubblici. È quindi possibile fumare in auto in ogni caso? Secondo il decreto n°6 del 12 gennaio 2016 no. Vediamo insieme cosa stabilisce e cosa può succedere a chi viene sorpreso a violare la norma. In aggiunta, specificheremo anche se questa norma è valida solo per le sigarette “normali” o anche per quelle elettroniche.

Fumare in auto: quando si può fare e quando è vietato?

Il decreto n°6 del 12 gennaio 2016 ha stabilito che il conducente o i passeggeri non possono fumare quando nella vettura ci sono anche i minorenni o le donne incinte. Il divieto interessa tali categorie perché sono più sensibili agli effetti del fumo passivo. La norma, in effetti, è stata scritta per salvaguardare la loro salute. Chi viene sorpreso a fumare in presenza di un minore potrà essere sanzionato con una multa che va dai 27,50 ai 275 euro. Come spiega TuttoMotoriWeb.it, inoltre, se si viene sorpresi a fumare in presenza di un bambino o una bambina al di sotto dei 12 anni di età o di una donna incinta, la multa può aumentare. La sanzione, infatti, potrà arrivare anche a 500 euro.

Si specifica che queste norme valgono sia se la persona sorpresa a fumare sta guidando o è in sosta. La multa non è soggetta alcun tipo di sconto se si paga entro cinque giorni, e il ricorso potrà essere presentato al Prefetto entro 30 giorni dalla multa. Per quanto riguarda le sigarette elettroniche, non dovrebbe esserci alcun divieto di fumare sigarette elettroniche in auto. Queste ultime sono esplicitamente vietate in alcuni luoghi come nei mezzi pubblici o nelle scuole, quindi c’è la possibilità che la normativa sulla circolazione stradale le includa in futuro.

LEGGI ANCHE>>>Caro gas, pubblicato il primo regolamento MITE per i risparmi energetici: ecco tutte le regole valide fin da subito

Related Posts

Lascia un commento