fedez-che-imita-il-cav-ci-riporta-nel-1994.-meglio-ascoltare-i-maneskin

Fedez che imita il Cav. ci riporta nel 1994. Meglio ascoltare i Måneskin

Si sa che l’Instagram è ormai un mezzo per vecchi, è la bocciofila dei social, e però strideva il contrasto tra l’uscita fedeziana del finto messaggio berlusconiano contemporaneo e invece l’ennesimo successo dei Måneskin, ormai gloria italiana globale come il limoncello e Prada. E mentre quelli trionfavano agli Mtv European Music Awards, si apprendeva che Fedez non scende in campo veramente, che era tutta una trovata, che ci sarà – come modestamente si era scritto qui – una finta campagna elettorale, completa di cartellonistica, insomma una performance, per lanciare il nuovo disco. 

 

Lo svelamento si è avuto con un remake-parodia del discorso di Berlusconi del 1994. Quello del “paese che amo, qui ho le mie radici”. Ma questa volta Fedez, libreria alle spalle e un volpino sulle ginocchia, che burlone, ha inserito nel discorso un po’ di generico ribellismo (“qui ho imparato da mio padre e dalla vita il mio mestiere di truffatore”), e poi naturalmente sono seguite le storie contro i giornalisti, accusati di non aver verificato la falsa notizia. Di fronte a tanta antica bravura comunicativa è subito venuto in mente Enrico Lucherini, decano degli uffici stampa italiani, che  si inventava queste trovate quando Federico Lucia era ancora in culla, forse anche i suoi genitori. Certo, però, quando Lucherini si inventava la falsa rissa tra la Loren e la Lollo o il falso annegamento della tal diva c’era poi un senso di riconoscenza diffuso verso questi giornalisti che ci cascavano, come si è sempre cascati perché a volte una bella storia è meglio della verità, figuriamoci oggi.

 

Adesso invece il nuovo galateo vuole che il giornalista – anzi giornalaio – sia cornuto e pure mazziato, infatti al video Fedez ha fatto seguire il rito instagrammatico supremo, la gogna. E nelle storie, ripreso dalla moglie, lui squadernava, appunto dal giornalaio, i quotidiani che son cascati nel tranello. Ma, ci si chiede a questo punto, come andrà a finire questa relazione altamente tossica tra media e influencer, questa codipendenza (cit.) in cui i giornalisti hanno bisogno degli influencer per sentirsi ancora vivi e sul pezzo, e gli influencer dei giornalisti per eventuali consacrazioni, oppure, alternativamente, per fare le vittime?

 

E sarà stato il contatto con questi manufatti, i giornali di carta, il tono assai polemico, e  il mobile in massello massiccio e Fedez in completo invece che con le solite ciabatte, ma l’impressione era di trovarsi di fronte a una trovata un po’ stantia. A una furbata riuscita a metà, una trovata da italiano medio. Fedez nei panni di Berlusconi tra l’altro rischia di suscitare anche involontari paragoni nel pubblico: che potrebbe  improvvisamente trovarsi a pensare che forse era meglio l’originale. Mentre la performance dal giornalaio ha svelato ai più giovani follower quel luogo che nell’antichità sfornava quei prodotti un tempo rilevanti, i giornali! (per effetto-imitazione, o reazione, qualcuno vi si recherà? Sarà un effetto boomerang? Ci sono dietro menti raffinatissime Fieg?). Insomma Fedez è parso non freschissimo, e invece ansiosissimo di farsi notare, e anche un po’ incattivito, mentre tutti gli occhi erano puntati su altre celebrity splendenti da esportazione, i Måneskin: giovani, carini e contemporanei, e, come direbbe Boris, “così poco italiani”. Proprio nel momento in cui disperatamente abbiamo voglia di distrarci, di sentirci un po’ internazionali, insomma di tirarci un po’ su.
 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *