esistono-spiagge-che-si-trasformano-in-una-dolce-melodia.-una-e-in-italia

Esistono spiagge che si trasformano in una dolce melodia. Una è in Italia

Una passeggiata sulla sabbia a piedi nudi, con la vista dell’incantevole mare, è quello che ci occorre per essere felici. Del resto abbiamo dalla nostra parte una serie di studi e ricerche, pubblicate negli anni, che confermano tutti i benefici che si possono ottenere proprio vivendo in uno spazio blu. Quello che però alcune persone non sanno è che anche una semplice passeggiata in riva al mare, in alcuni luoghi del nostro pianeta, può trasformarsi in un’esperienza magica e sensoriale. Unica al mondo.

Esistono, infatti, delle spiagge che, al semplice passaggio umano, restituiscono una dolce melodia. Caratteristica, questa, che sembra sicuramente appartenere più al mondo delle fiabe, che al nostro. E invece si tratta di un fenomeno sorprendente, seppur molto raro, che riguarda alcune spiagge del mondo.

La sabbia, se calpestata, emette un suono molto particolare che ricorda la dolce melodia del violino. Ed è subito magia.

Sono poche le spiagge al mondo che hanno delle sabbie musicali e che permettono di vivere questa esperienza inedita e incredibile, e sono Babadejuka a Rio De Janeiro, Eigg Islands in Inghilterra, Fort Dauphin in Madagascar e Gold Coast in Australia. E ce n’è una anche in Italia, ed è spettacolare. Stiamo parlando di Cala Violina, la spiaggia toscana che si trova all’interno della riserva naturale delle Bandite di Scarlino.

Situata tra Follonica e Punta Ala, la spiaggia sonora nostrana è di per sé già bellissima. Si affaccia, infatti, di fronte a una meravigliosa e lussureggiante macchia mediterranea e ospita un mare trasparente e cristallino. Ma la natura, non contenta di tanta meraviglia, ha deciso di arricchire questo paradiso italiano del raro e sorprendente fenomeno musicale.

Come il nome stesso suggerisce, infatti, la sabbia di Cala Violina emette un suono molto delicato e piacevole che ricorda quello di un violino. Il fenomeno, in realtà, non è nuovo. Marco Polo, infatti, in riferimento alle dune del Dunhuang, aveva raccontato di aver udito una melodia simile.

Ma come è possibile che che una spiaggia possa restituire il suo di un violino? Il motivo è presto detto: la melodia è restituita dal rumore dei sassolini calpestati che compongono l’arenile sulla riva del mare. Secondo gli esperti, quando i sassolini composti da quarzo, subiscono delle pressioni in maniera ripetuta e rapida emettono dei suoni con una frequenza tra i 500 e 2.500 hertz. Il risultato è una melodia che evoca le note del violino.

Cala violina

Cala Violina al tramonto

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *