ecco-come-spacex-si-allea-con-t-mobile-per-la-connessione-globale

Ecco come SpaceX si allea con T-Mobile per la connessione globale

L’operatore tlc T-Mobile e SpaceX hanno annunciato la collaborazione per un servizio di telefonia mobile da satellite che dovrebbe funzionare in aree senza copertura cellulare. In particolare, T-Mobile US utilizzerà i satelliti Starlink della compagnia aerospaziale di Elon Musk

La fine dei punti morti per i cellulari. Un mondo in cui quasi ovunque negli Stati Uniti sei connesso al tuo telefono.

È questo l’obiettivo della collaborazione tra SpaceX, la società aerospaziale di Elon Musk e T-Mobile, l’azienda di ltc Usa, annunciata ieri in un evento congiunto in Texas.

Le società vogliono trasmettere il servizio cellulare alla “maggior parte dei luoghi negli Stati Uniti”, comprese alcune delle aree più remote del paese che tradizionalmente non sono state toccate dalla connettività wireless. L’idea è quella di utilizzare l’attività Internet satellitare di SpaceX, Starlink, per fornire un “livello aggiuntivo” di connettività ai telefoni T-Mobile.

I satelliti di Starlink utilizzeranno lo spettro della banda media di T-Mobile per creare una nuova rete. La maggior parte dei telefoni utilizzati dai clienti dell’azienda sarà compatibile con il nuovo servizio, che inizierà con i servizi di SMS in una fase beta a partire dalla fine del prossimo anno.

T-Mobile intende offrire il servizio come parte dei suoi piani più popolari, ma non ha rivelato i dettagli sui prezzi.

Tutti i dettagli.

COSA FARANNO SPACEX E T-MOBILE

“Dal centro della Death Valley alle Great Smokey Mountains o persino alla persistente zona morta del quartiere, T-Mobile e SpaceX hanno una visione per offrire ai clienti un ulteriore livello cruciale di connettività” si legge nella nota di T-Mobile.

I nuovi piani eliminerebbero la necessità di ripetitori cellulari e offriranno un servizio per l’invio di testi e immagini dove attualmente non esiste copertura cellulare, chiave per situazioni di emergenza in aree remote, ha affermato Musk all’evento di ieri.

LA CREAZIONE DI UNA NUOVA RETE

“Per fornire questo servizio, le società creeranno una nuova rete, trasmessa dai satelliti Starlink utilizzando lo spettro della banda media di T-Mobile a livello nazionale. Questo vero servizio da satellite a cellulare fornirà una copertura quasi completa quasi ovunque un cliente possa vedere il cielo”, secondo a un comunicato stampa di T-Mobile.

Il servizio cellulare satellitare tramite Starlink funzionerà anche con i telefoni oggi sul mercato, ha affermato Musk.

L’OBIETTIVO

In sostanza, l’obiettivo è quello di portare alla “fine delle zone morte mobili”, ha affermato il ceo di T-Mobile.  T-Mobile afferma di stimare che “ben oltre mezzo milione di miglia quadrate” degli Stati Uniti non sono “contattate dai segnali cellulari”, si legge nella nota stampa.

Ma la nuova rete non entrerà in competizione con quella mobile già esistente. “Non è un sostituto delle stazioni cellulari di terra, perché le stazioni cellulari di terra, specialmente nelle aree urbane e suburbane, saranno sicuramente superiori a ciò di cui stiamo parlando qui. Questo ha davvero lo scopo di fornire una copertura di base alle aree che attualmente sono completamente morte” ha precisato Musk.

Musk l’ha definita una missione per “salvare vite”, in quanto potrebbe fornire alle persone connettività in situazioni di emergenza, come durante le escursioni in aree remote.

A CHE PUNTO È STARLINK

Dal 2019 a oggi SpaceX ha lanciato quasi 3.000 satelliti Starlink in orbita bassa rispetto alla Terra, superando i progetti delle rivali OneWeb e Amazon con Project Kuiper.

“Mentre il servizio cellulare si basa su torri che trasmettono connettività in determinate aree e le tradizionali connessioni a banda larga richiedono reti di cavi sotterranei, Starlink di SpaceX ha adottato un approccio diverso alla connettività. I suoi servizi si basano su alveari di satelliti a poche centinaia di miglia sopra la Terra che lavorano in tandem per trasmettere la connettività” spiega la Cnn.

MUSK A LAVORO SUI SATELLITI V2

Tuttavia, il nuovo servizio di connessione si baserà principalmente sui satelliti Starlink della “versione 2” o V2, secondo Musk. Questi non dovrebbero iniziare il lancio prima del prossimo anno. I satelliti Starlink di prossima generazione di SpaceX avranno antenne più grandi che consentiranno la connettività direttamente ai telefoni cellulari sulla rete T-mobile, ha affermato Musk. “Stiamo costruendo antenne speciali… Sono in realtà antenne molto grandi che sono estremamente avanzate”, ha detto. “L’importante è che non avrai bisogno di un nuovo telefono. Il telefono che hai attualmente funzionerà.”

Starlink V2, launching next year, will transmit direct to mobile phones, eliminating dead zones worldwide

— Elon Musk (@elonmusk) August 26, 2022

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Related Posts

Lascia un commento