e-cosi-quest'anno-le-patate-costeranno-di-piu-–-informacibo

E così quest'anno le patate costeranno di più – InformaCibo

Il rincaro è dovuto a una riduzione del prodotto in stock e all’aumento dei costi di produzione

di Alessandra Favaro

Ultima Modifica: 21/09/2022

Il Centro di Documentazione per la Patata (Cepa) ha annunciato l’aumento dei prezzi di listino delle patate, a causa della diminuzione degli stock e dell’aumento dei costi.

In riunione tenutasi venerdì 16 settembre 2022, gli operatori della Borsa Patate di Bologna si sono confrontati in merito ai dati produttivi e all’entità degli stock presenti nei magazzini.

L’analisi analisi ha restituito uno scenario che prova forte preoccupazione. I quantitativi di patate raccolte e destinate al conto deposito risultano di oltre il 20% inferiori di quelli degli ultimi anni, in un contesto di vendite sostenute sin dall’inizio della stagione. I dati dei principali produttori europei confermano una situazione internazionale caratterizzata da minori rese e maggiori scarti.

La preoccupazione più viva presso gli operatori è l’aumento dei costi di produzione agricoli (fertilizzanti antiparassitari, meccanizzazione), di stoccaggio e confezionamento.

E poi ci sono i rincari: dell’energia elettrica, del gas, degli imballaggi e dei trasporti, che incidono su tutte le fasi della filiera in maniera determinante. Per quanto riguarda alcune voci di spesa, l’aumento ha già toccato vette del 400%. 

In questa fase di inizio della campagna di commercializzazione 2022-2023 gli operatori che aderiscono alla Borsa Patate sono, al pari dei loro colleghi europei, in forte apprensione per il futuro del settore: il rischio è quello di un notevole ridimensionamento delle superfici investite, con la prospettiva di un prossimo raccolto insufficiente a coprire le necessità del mercato interno.

L’organizzazione ha affemato pertanto la necessità di ottenere una migliore remunerazione per il prodotto, ricorrendo anche a significativi adeguamenti dei prezzi di vendita, in modo tale da non compromettere in modo irreversibile la futura disponibilità di un prodotto essenziale per i consumatori e, in particolare, di un’eccellenza produttiva fondamentale per il paese, come la Patata di Bologna DOP e Selenella, oltre agli ingenti quantitativi di prodotto controllato e certificato destinato alle Private Labels.

Condividi L’Articolo

L’Autore

Related Posts

Lascia un commento