cos’e-l’involuzione-uterina:-tutto-cio-che-c’e-da-sapere-|-mamme-magazine

Cos’è l’involuzione uterina: tutto ciò che c’è da sapere | Mamme Magazine

L’involuzione uterina è il processo di ripristino dell’utero materno alle condizioni precedenti la gravidanza, sia dal punto di vista anatomico che funzionale. Viene spesso chiamata quarto trimestre o “postumi”, poiché le donne sperimentano mini contrazioni, simili a quelle del travaglio.

Le mamme spesso paragonano il dolore ai crampi mestruali, che vanno da lievi a forti.

L’involuzione può durare da sei a otto settimane dopo il parto. Tuttavia, ogni caso è diverso, ed è per questo che l’American College of Obstetricians and Gynecologists raccomanda di prolungare l’assistenza post-partum fino a 12 settimane dopo il parto.

Involuzione uterina: cosa succede durante questo processo?

Il parto è difficile e quello che viene dopo il parto è altrettanto faticoso.

Quando l’adrenalina della mamma crolla e la stanchezza fisica si fa sentire, l’utero si mette subito al lavoro e inizia il periodo delle contrazioni. Durante questo periodo, le contrazioni comprimono i vasi sanguigni dell’utero per evitare un’eccessiva emorragia. Le donne iniziano ad avvertire i temuti dolori addominali e i crampi.

Anche gli ormoni femminili (estrogeni e progesterone) fanno in modo di non perdere tempo. I due si concentrano contemporaneamente sul controllo dei cambiamenti all’interno del rivestimento uterino, che porta a una rapida perdita di cellule uterine.

Questo, insieme ad altri processi cellulari, permette alla mucosa dell’utero di tornare al suo stato completo entro quattro-sei settimane.

Quando è necessario preoccuparsi?

L’involuzione uterina è un processo naturale a cui il corpo va incontro. Sebbene non si possa impedire che si verifichi, è importante prestare attenzione ai sintomi, poiché può dare origine a una serie di potenziali problemi, come ad esempio:

  • Difficoltà di allattamento
  • Crampi e dolori al basso ventre
  • Diminuzione del desiderio sessuale
  • Stanchezza e difficoltà a dormire
  • Minzione involontaria
  • Insorgenza o intensificazione di disturbi mentali
  • Stress

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.