cose-da-non-dire-mai-a-una-donna-che-cerca-di-riprendersi-dal-parto

Cose da non dire mai a una donna che cerca di riprendersi dal parto

Il parto è uno degli eventi più monumentali, ma ci sono alcune cose da non dire a una donna che cerca di riprendersi dal parto. È fisicamente, emotivamente e mentalmente faticoso anche nelle migliori circostanze. Quando è finito, il lavoro non finisce lì.

Anzi, è appena iniziato e continua in una fase ancora più faticosa, impegnativa e che cambia la vita: la vita con un nuovo bambino.

Non dite nulla di negativo sul modo in cui ha partorito

Forse ha avuto il parto dei suoi sogni, o forse ha imparato a sue spese che anche i migliori piani di nascita possono andare a monte.

In ogni caso, non giudicate il modo in cui ha partorito.

Inoltre, se fa commenti che sembrano rimproverarsi per come sono andate le cose, assicuratevi di dirle che è una supereroina. Forse non se ne rende conto, ma ha bisogno di sentirselo dire.

Non giudicate il modo in cui nutre il bambino

All’inizio, quando una donna cerca di capire come nutrire al meglio il suo bambino, le emozioni si faranno sentire.

Forse allatterà al seno, allatterà con latte artificiale o forse farà un po’ di entrambi e forse sarà ancora più complicato.

Non vantatevi di quanto ci avete messo a riprendervi dopo la nascita

Avere un bambino cambia completamente il corpo di una donna. Alcune donne si “riprendono” subito, ma molte non lo fanno. Per molte di noi ci vuole un po’ di tempo e di solito è l’ultimo dei pensieri di una donna che si riprende dal parto.

Le prime settimane e i primi mesi dopo il parto sono un periodo incredibilmente vulnerabile e il gioco del confronto può essere devastante. Quindi, non date a una neomamma un motivo per pensare di aver fallito in qualche modo. Se siete uscite dall’ospedale con i jeans di prima del parto, è fantastico, ma non diteglielo. Abbiate un po’ di empatia e conservate la storia per un’altra volta.

cosa non dire a una donna che cerca di riprendersi dal parto

Non dite nulla sul fatto che lei “si è accaparrata” il suo bambino

Le neomamme, soprattutto quelle alle prime armi, possono essere estremamente iperprotettive nei confronti dei loro bambini. Si preoccupano dei germi, se i loro bambini mangiano abbastanza, se si sentono amati, se stanno legando abbastanza bene, e così via.

Se andate a trovare una neomamma (alla prima esperienza o meno) e vi lascia tenere il suo bambino, non fate finta di niente se vi chiede indietro il bambino. Non ditele “devi tenere il bambino tutto il tempo” o chiamatela “mangiabambini”. Il bambino può anche essere fuori dal suo corpo, ma è ancora profondamente legato a lei.

Related Posts

Lascia un commento