cosa-succede-nella-citta-del-ghiaccio-in-estate?

Cosa succede nella città del ghiaccio in estate?

La glaciale atmosfera di Harbin, che ha reso questa città così famosa, non è certo la sua unica prerogativa: è durante l’estate, quando il clima permette di concedersi lunghe passeggiate all’aperto, che è possibile godere dell’immensa meraviglia di un patrimonio architettonico e culturale unico al mondo.

Harbin è una vera e propria metropoli (conta più di 10 milioni di abitanti!) situata nella Manciuria, una delle propaggini più settentrionali della Cina, ed è immersa nel cuore di una sconfinata pianura Qui le temperature variano notevolmente a seconda della stagione: se in estate il clima è piuttosto gradevole, raggiungendo senza problemi i 25/30°C, durante la stagione invernale la colonnina di mercurio può scendere addirittura di 20°C o 30°C sotto lo zero.

Non è quindi difficile capire perché Harbin è anche conosciuta come la “città di ghiaccio”. In inverno vi si tiene una celebre manifestazione, il Festival internazionale cinese del ghiaccio e della neve, durante la quale vengono esposte decine di sculture ghiacciate che rappresentano una città in miniatura. Uno spettacolo incredibile, che attira tantissime persone da ogni angolo del mondo.

E in estate? Harbin non perde certo il suo fascino incredibile: basta aver solo tanta voglia di andare alla scoperta delle sue bellezze. Il centro storico, adagiato lungo le rive del fiume Songhua, racchiude gioielli dall’inestimabile valore. Lungo il Corso Centrale, ad esempio, si possono ammirare decine di edifici appartenenti ai più svariati stili architettonici, eretti nel corso dei decenni sino a dare vita ad un vero e proprio museo all’aria aperta. Percorrendola a piedi (è la via pedonale più lunga dell’Asia intera), rimarrete incantati.

A poca distanza, la suggestiva Cattedrale di Santa Sofia risente dell’influenza della vicina Russia: la città si trova infatti quasi ai confini della Siberia. Con le sue splendide cupole, è uno dei monumenti più importanti dell’intera regione. Da diversi anni la chiesa è stata trasformata in un museo dove è possibile ripercorrere la storia dell’architettura di Harbin. Sull’altra sponda del fiume, scoprite il meraviglioso Grand Theatre: è una costruzione futuristica, che tuttavia si integra perfettamente con l’ambiente circostante.

Tappa imperdibile per chi visita Harbin è l’isolotto che sorge al centro del Songhua, nel tratto in cui il fiume scorre all’interno della città. Si tratta di Isola di Sole, raggiungibile in traghetto o con una panoramica avventura in seggiovia. È qui che si tiene il Festival delle sculture di ghiaccio, ma in estate sono i suoi bellissimi giardini e le sue casette russe ad attirare l’attenzione dei turisti. Infine, concedetevi una passeggiata all’interno del Siberian Tiger Park, che ospita oltre 500 esemplari di tigre siberiana, ma anche altri animali quali leopardi, linci e caprioli.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *