cosa-hanno-combinato-gli-hacker-al-sito-del-gse-(gestore-dei-servizi-energetici)

Cosa hanno combinato gli hacker al sito del Gse (Gestore dei servizi energetici)

Gse

Attacco informatico per mezzo di malware al sito del Gse. La società statale dichiara che gli acquisti di gas sono garantiti nonostante l’aggressione cibernetica. Che cosa si sa finora

Non bastava la crisi del gas. Gli hacker hanno preso di mira il sito del Gse, il gestore dei servizi energetici in Italia.

Lunedì Gse, società controllata interamente dal ministero dell’Economia, ha dichiarato che i suoi acquisti di gas sono stati garantiti nonostante un attacco hacker ai suoi sistemi IT avvenuto durante la notte tra il 28 e il 29 agosto.

La società ha aggiunto che il suo sito Web e i portali sono stati temporaneamente sospesi per proteggere i dati.

L’Italia è sempre più bersaglio delle aggressioni informatiche. Lo scorso 25 luglio gli aggressori cibernetici avevano preso di mira l’Agenzia delle Entrate (anche se Sogei ha smentito attacchi diretti alla piattaforma).  La notizia seguiva quella dello scorso maggio quando alcuni siti delle istituzioni italiane e di società avevano subito aggressioni cibernetiche. Di recente anche l’European Union Agency for Cybersecurity nel suo ultimo focus ha messo in guardia sulla minaccia derivante da attacchi ransomware in cui l’Italia è tra i Paesi più a rischio, al quarto posto dietro Stati Uniti, Germania e Francia.

Tornando all’attacco informatico al Gse, alle 10.30 di oggi il sito non era ancora raggiungibile.

Tutti i dettagli.

COSA SI SA DELL’ATTACCO HACKER AL GSE

A spiegare cosa sia successo al sito del Gse ci ha pensato la società stessa attraverso una nota. “Nella notte tra domenica e lunedì, il Gse (Gestore servizi energetici) è stato vittima di un attacco informatico per mezzo di un malware di ultima generazione”. La società ha aggiunto che “al fine di mettere in sicurezza i dati e i sistemi informativi, il sito internet e i portali sono stati resi temporaneamente indisponibili”.

LA POSIZIONE DELLA SOCIETÀ

Pertanto, il Gse ha «tempestivamente segnalato l’attacco subito alle Autorità competenti e ha avviato gli approfondimenti e le azioni necessarie a ripristinare quanto prima l’operatività dei sistemi e dei servizi», si legge ancora nella nota, specificando che in ogni caso “l’attività di acquisto di gas per il servizio di ultima istanza affidato dal Gse è garantita”.

La società ha acquistato gas per aumentare le scorte dell’Italia e aiutare a riempire il sistema di stoccaggio del gas del Paese fino ad almeno il 90% della capacità entro la fine dell’anno.

Dunque questo servizio non ha subito ripercussioni dall’attacco a detta del Gse.

IL COMMENTO DI IEZZI, CEO DI SWASCAN

“Abbiamo già osservato, da almeno 12 mesi, un progressivo aumento di cyber attacchi lanciati contro il nostro Paese da parte di criminal hacker. Basti pensare che l’Italia è regolarmente nella top 5 delle nazioni più colpite da ransomware, come rilevato da Swascan stessa in un recente studio”, ha commentato Pieguido Iezzi, ceo di Swascan, parte del polo cyber di Tinexta group a La Verità. “Questa attenzione per l’Italia è cresciuta nelle ultime settimane: il nostro centro di cyber threat intelligence ha rilevato come in due principali forum del dark web, naturalmente frequentati da threat actor da tutto il mondo, negli ultimi 3 mesi siano presenti circa 64 annunci di richiesta e vendita di accessi su aziende italiane, credenziali compromesse eccetera. È un momento storico delicato, senza veri e propri precedenti e metri di paragone. Un “nuovo mondo” che impone, per ogni singola casistica, di approcciare ogni incident con metodo scientifico al fine di riconoscere se quello che in effetti sta accadendo è un caso di cyber war e cyber crime”, ha aggiunto Iezzi.

Infine, “vanno individuati target, impatti, threat actor, obiettivi e possibili relazioni e correlazioni, il tutto da soppesare e analizzare in base alla vera matrice dell’attacco in corso. Potrebbe essere il banco di prova per l’art 37 del Dl aiuti da poco approvato in termini di difesa attiva”, ha concluso il ceo di Swascan a proposito dell’attacco hacker al Gse.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

  • 30 Agosto 2022

Related Posts

Lascia un commento