confagricoltura-bologna:-emergenza-lupi,-servono-nuovi-strumenti-–-emilia-romagna

Confagricoltura Bologna: emergenza lupi, servono nuovi strumenti – Emilia-Romagna

‘Bene le ultime indicazioni europee per frenarne la crescita’

“I grandi carnivori, lupi in particolare, sono un problema sempre più pressante per le aziende agricole: la loro presenza è una minaccia per gli allevamenti e dalle zone montane si stanno spingendo sempre di più in pianura. Abbiamo bisogno di norme e strumenti per contenere la loro diffusione, proteggere le imprese e avere gli adeguati ristori in caso di danni. Per questo accogliamo con estremo favore la risoluzione votata dal Parlamento Europeo per cercare di frenare la loro crescita fuori controllo, salvaguardando così le aziende agricole e riducendo il pericolo per i cittadini”. E’ quanto sostiene Guglielmo Garagnani, presidente di Confagricoltura Bologna, sul provvedimento approvato a Strasburgo, per proporre nuove misure di protezione a difesa degli animali da allevamento e delle intere comunità di montagna e di pianura dagli attacchi della fauna selvatica.

    “Ora non bisogna perdere tempo e confidiamo che la risoluzione si possa concretizzare in misure a livello nazionale e locale. Solo nell’ultimo periodo – ha sottolineato Garagnani -, in provincia di Bologna, abbiamo avuto riscontro di diversi cani da caccia sbranati da lupi, segnale di come la minaccia sia vicina alle comunità di montagna. Il Parlamento Europeo ha riconosciuto l’esistenza di questo problema, che sarà poi monitorato sulla base di dati scientifici ancora più accurati”.

    Nei prossimi giorni, sottolinea Confagricoltura, è infatti prevista una riunione della Convenzione di Berna in cui si parlerà della possibilità di declassare il lupo da specie “strettamente” protetta a “semplicemente” protetta. Per l’associazione è inoltre molto importante che all’interno della risoluzione siano state presentate opzioni di finanziamento per la prevenzione contro i grandi carnivori e risarcimenti in caso di danni subiti, nonostante le protezioni di difesa adottate.

    (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Related Posts

Lascia un commento