come-si-muove-la-turchia-tra-usa-e-russia-sugli-aerei-da-combattimento

Come si muove la Turchia tra Usa e Russia sugli aerei da combattimento

Cosa succede sul caccia TF-X tra Turchia, Russia e Stati Uniti. Il punto di Giuseppe Gagliano

 

Questa settimana, a margine del forum “Army 2021”, organizzato nei pressi di Mosca, Alexandre Mikheev, direttore generale di Rosoboronexport, l’agenzia russa responsabile delle esportazioni di equipaggiamento militare, ha assicurato che le discussioni sull’acquisizione di un secondo lotto di S -400 sistemi di difesa aerea “Triumph” stavano per essere finalizzati…

Ma ciò è stato smentito poche ore dopo, citando un’”operazione di disinformazione” puntuale in cui Ankara cerca di rimettere in sesto i pezzi con Washington.

Inoltre, le osservazioni fatte all’agenzia Tass da Dmitry Chugayev, direttore del Servizio federale russo per la cooperazione militare e tecnica (FSVTS), dovrebbero essere prese con una certa cautela. Tuttavia, difficilmente sarebbero sorprendenti. Nel 2018, infatti, Viktor Kladov, a capo del consorzio russo Rostec, ha posto le basi per la cooperazione con la Turchia per aiutare quest’ultima nello sviluppo del caccia TF-X di quinta generazione, portato avanti dal 2010 da Turkish Aerospace.

Secondo il produttore, il TF-X sarà un aereo da superiorità aerea invisibile con capacità aria-terra in grado di volare a velocità Mach 2 a un’altitudine di 55.000 piedi. E si parla di dotarlo di un radar ad antenna attiva .

Tuttavia, la Turchia non dispone di tutte le competenze necessarie per eseguire un tale programma. In particolare in termini di propulsione. Era stata prevista una partnership con Rolls Royce, ma le discussioni non potevano avere successo. Poi, Turkish Aerospace ha messo gli occhi sul reattore F-110 dell’americana General Electric… Ma, a causa delle sanzioni prese da Washington in risposta all’acquisto dei sistemi S-400 da parte di Ankara, questo progetto è attualmente a rischio.

Indipendentemente da ciò, nel giugno 2020, Chugayev ha indicato che la Russia intendeva offrire assistenza alla Turchia nello sviluppo del TF-X. “Abbiamo cose da offrire nei settori dei motori – questa domanda è già stata discussa – sistemi di comando e controllo, ergonomia, apparecchiature di bordo e sistemi di sopravvivenza del pilota”, ha affermato.

Più di un anno dopo, e anche se, a marzo, un funzionario turco ha lasciato intendere che la Turchia potrebbe, se necessario, acquisire aerei da combattimento dalla Russia, ma ciò non ha visto alcuno sviluppo significativo. Almeno in apparenza… Perché secondo il direttore FSVTS, sono “in corso delle “consultazioni” con la parte turca a livello di gruppi specializzati su questioni riguardanti lo sviluppo di un caccia turco. A questo proposito, ci sono aree interessanti in cui potremmo fornire assistenza tecnologica, data l’esperienza dei nostri specialisti nello sviluppo e nella produzione di aeroplani. E siamo pronti a condividere la nostra esperienza con i nostri partner turchi. Ma è prematuro parlare di dettagli specifici in questa fase”, ha detto Chugayev.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *