come-organizzare-una-vacanza-a-zante

Come organizzare una vacanza a Zante

L’estate si avvicina e aumenta la voglia di vacanza. Per me il luogo di vacanza per eccellenza deve avere un mare da sogno, tanti posti da visitare e tante esperienze da fare. La Grecia, sotto tutti questi punti di vista, non delude mai! Tenetevi pronti allora perché oggi vi porterò alla scoperta di Zante e vi svelerò tutti i segreti per organizzare una perfetta vacanza in questa isola greca.

Perché organizzare una vacanza a Zante?

Famosa per aver dato i natali a Ugo Foscolo, che le dedicò il famoso sonetto “A Zacinto”, oggi è una meta turistica molto gettonata e apprezzata dagli italiani perché ricorda molto le nostre regioni del Sud Italia, ma con un tocco di “grecità”. Il mare a Zante è bellissimo con acqua cristallina e spiagge di sabbia bianca. I panorami sono da togliere il fiato: ammirerete scogliere di roccia calcarea che si gettano nel mare e piccoli villaggi rurali immersi nella macchia mediterranea. L’isola ha colori vividi, intensi e brillanti che tra di loro creano giochi di contrasto magici, soprattutto all’alba e al tramonto. Le cose da vedere e da fare sono veramente tante e per tutti i gusti: relax in spiaggia, visite culturali, sport acquatici, escursioni in barca e movida serale. Zante è un’isola dove non ci si può annoiare e che soddisfa le esigenze di ogni tipo di viaggiatore.

Zante: dove si trova, come arrivarci e come muoversi sull’isola

Zante è vicinissima all’Italia, si trova infatti nel Mar Ionio (proprio lo stesso su cui si affacciano la Puglia e la Calabria!) e fa parte dell’arcipelago greco delle Isole Ionie. Raggiungerla è davvero molto facile. Zante è servita da numerose compagnie aeree low cost, che partono dai principali aeroporti italiani e offrono comodi voli diretti. Se partite dal Nord Italia, o dalle grandi città del Centro e del Sud Italia, come Roma e Napoli, questa è sicuramente la soluzione migliore. Se partite invece dalle regioni più a Sud della costa adriatica, valutate di prendere il traghetto da Bari o da Brindisi. Questi traghetti sono operativi solo in alta stagione, ma se prenotate per tempo avrete modo di trovare prezzi convenienti e potrete risparmiare sul noleggio auto una volta arrivati sull’isola.
Per muoversi a Zante infatti è fondamentale avere un mezzo a due o a quattro ruote. L’isola è lunga 40 km e larga 17 km e vale davvero la pena esplorarla tutta. Il trasporto pubblico locale esiste, però raggiunge solo i paesini dell’entroterra e poche zone costiere. Sull’isola sono presenti numerosi noleggi auto, sia a Zante città sia nelle principali località turistiche come Laganas. La scelta di veicoli da noleggiare è ampia tra auto, 4×4, motorini e quad. Ma anche una semplice utilitaria va benissimo, basta che abbia l’aria condizionata!

Zante: dove alloggiare

Zante offre diverse tipologie di alloggi: hotel, appartamenti, villaggi all inclusive. Ogni tipologia di viaggiatore troverà sicuramente l’alloggio perfetto per le sue esigenze. Le zone più turistiche e con il maggior numero di servizi si trovano sulla costa sud-orientale dell’isola. Alloggiare a Zante città è la soluzione ideale per chi cerca una vacanza composta per metà da relax in spiaggia e per l’altra metà da escursioni e visite culturali. Qui troverete hotel di ogni fascia di prezzo e appartamenti in affitto e potrete spostarvi nelle altre località dell’isola in breve tempo. Per i giovani che hanno voglia di movida il posto giusto è Laganas: una spiaggia di sabbia bianca lunghissima e una via piena di locali e discoteche aperte fino alle prime luci dell’alba. Le famiglie con bambini possono trovare il posto ideale a Tsilivi o Kalamaki. Queste due località offrono infatti tantissimi servizi come lidi attrezzati, dove praticare sport acquatici, minimarket, negozi di souvenir e anche minigolf e bowling. Per chi cerca una vacanza all’insegna della tranquillità può optare per Vasilikos, la penisola a sud di Zante città. Qui troverete solo piccoli appartamenti monolocali (chiamati “studios”), villette in pietra immerse tra gli ulivi, minimarket, bar, taverne e due tra le più belle e selvagge spiagge di Zante, Dafni e Gerakas.

Zante: le spiagge più belle

È davvero difficile stilare una classifica delle spiagge più belle di Zante. Soprattutto perché ce ne sono davvero di tanti tipi, capaci di soddisfare tutti i gusti! Le spiagge della costa orientale, quelle più vicino a Zante città, sono prevalentemente sabbiose e il mare degrada dolcemente verso il largo.

St. Nicholas ne è l’esempio perfetto: una lunga spiaggia di sabbia dorata, dove potersi comodamente rilassare, noleggiando lettini e ombrelloni, e anche divertirsi praticando sport d’acqua come moto d’acqua, parasailing o il classico bananone. Qui l’acqua è davvero cristallina e della giusta temperatura per godersi una nuotata.

Spostandosi verso il sud dell’isola si entra invece nel Parco Nazionale Marino, una zona protetta nata per tutelare le numerose specie animali che qui vivono. Tra le più importanti da salvaguardare c’è sicuramente la tartaruga Caretta-Caretta che nidifica proprio sulle spiagge di questa parte dell’isola, come Gerakas e Dafni. Anche qui le spiagge sono di sabbia dorata e non sarà difficile trovare delle piccole gabbie sparse sul litorale a protezione delle uova di tartaruga. Queste spiagge sono in parte attrezzate e in parte libere e sono rigorosamente chiuse dal tramonto fino all’alba. All’entrata troverete cartelloni e depliant con le regole da rispettare per la salvaguardia del Parco e dei suoi animali. Non lontano da Laganas si trova invece un altro gioiellino di Zante: Cameo Island, un isolotto collegato alla terraferma da un ponticello di legno. L’ingresso sull’isola è a pagamento, ma è davvero il luogo perfetto per scattare foto da cartolina. Il mare è molto bello, con acqua calda e cristallina, perfetta per fare snorkeling e magari avvistare qualche tartaruga. Purtroppo la spiaggia è piccolissima e super affollata. Il consiglio è di arrivare di buon mattino, all’apertura della biglietteria, e di godersi le prime ore di tranquillità per poi spostarsi verso altre spiagge dell’isola, come quelle della costa occidentale. Qui il panorama cambia totalmente: il litorale basso e sabbioso lascia spazio a una costa rocciosa, con scogliere a strapiombo sul mare e piccole calette da raggiungere a piedi. Una tra le più belle è sicuramente Porto Limnionas. Per raggiungerla, parcheggiate l’auto nel comodo parcheggio e seguite la passerella di legno. Attraversate il lido attrezzato, che noleggia lettini e ombrelloni, e continuate la discesa. Incastonata tra le rocce troverete la piccola spiaggetta fatta di massi e di scogli da cui tuffarsi nelle gelide acque della caletta. Se siete bravi nuotatori esplorate anche le grotte e le insenature che si aprono nelle rocce. In questa non-classifica delle spiagge più belle ho voluto lasciare per ultima proprio la più famosa, la iconica spiaggia del relitto, ovvero Navagio Beach. Raggiungibile solo via mare da Porto Vromi o Aghios Nikolaos, è una piccola spiaggia di sassolini bianchi, circondata da enormi scogliere a strapiombo, che ospita il relitto di una nave di contrabbandieri di sigarette naufragata nel 1980. Qui il mare è di un colore azzurro fluo che crea giochi di contrasto incredibili con il bianco delle rocce e il rosso ruggine del relitto. Per godersi appieno il paesaggio, consiglio di ammirare Navagio Beach anche dall’alto. Superato il villaggio di Anafonitria, in direzione nord, troverete una strada asfaltata di circa un chilometro che conduce a un punto panoramico dove poter ammirare la spiaggia del relitto in tutta la sua maestosità.

Zante: oltre il turismo di massa

La gran parte dei turisti visita Zante per le sue spiagge, per il suo mare e per i divertimenti che l’isola offre. Eppure Zante è molto di più. Come tutte le isole greche, infatti, ha una storia davvero articolata, fatta di un susseguirsi di dominazioni che ne hanno plasmato la cultura. Sfortunatamente gran parte delle tracce sono andate distrutte con il grande terremoto che colpì l’isola nel 1953 e rase al suolo l’intero capoluogo. Grazie a un grande lavoro di recupero e di restauro è però possibile ammirare alcune opere di epoca bizantina e veneziana. Vale la visita il Museo Bizantino a Zante città, dove sono esposti gli affreschi del Monastero di Sant’Andrea risalente al XVI secolo. Per gli amanti della storia merita anche una visita il kastro veneziano, che si trova nel paesino di Bochali, collocato sulla cima di una collina alle spalle del centro storico. I resti della fortezza sono raggiungibili sia a piedi, percorrendo un sentiero in salita che parte dal centro della città, sia in auto. Le rovine sono racchiuse da imponenti mura e immerse in una bellissima pineta. Da qui il panorama sulla città è davvero incantevole soprattutto al tramonto quando tutto si tinge di rosa. Al di fuori dei luoghi più turistici, Zante nasconde piccoli gioielli. Sparsi per l’isola troverete numerose chiesette e monasteri, come il monastero di Anafonitria, risalente al XV secolo, luogo sacro per gli abitanti dell’isola perché San Dioniso, il patrono, visse proprio qui gli ultimi anni della sua vita. Il mio consiglio è di dedicare almeno una giornata della vostra vacanza a esplorare l’isola senza una meta precisa, visitando i piccoli paesini dell’entroterra e fermandovi in qualche taverna per gustare le prelibatezze della cucina locale accompagnate da un calice di vino. Come avete capito, Zante è un’isola che regala davvero tante sorprese. A Zante convivono relax, divertimento, natura e cultura, gli ingredienti giusti per una vacanza perfetta!

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.