come-il-5g-rivoluzionera-tlc,-energia,-sanita-e-auto.-report-tim

Come il 5G rivoluzionerà tlc, energia, sanità e auto. Report Tim

Tutti gli effetti potenziali del 5G su tlc, energia, sanità e auto secondo un rapporto del centro studi di Tim

Il 5G genererà un contributo positivo sul Pil italiano pari a 393 miliardi di euro nel periodo 2021-2040: 160 miliardi saranno generati dai servizi per le persone (componente human) ei restanti 233 miliardi dai servizi realizzati con l’Internet di cose (oggetti connessi). Se si considera il corso, il contributo sarà di circa 78 miliardi.

È quanto stimato nel Rapporto “Smart Italy 5G – I benefici del 5G per l’economia italiana”, elaborato dal Centro Studi Tim e presentato dal chief strategy, business development & transformation officer, Carlo Nardello, e dal chief revenue officer Tim, Stefano Siragusa.

FILIERA DELLA MANIFATTURIERA

In particolare, l’introduzione del 5G nella filiera della manifattura incrementerà la produttività del settore fino all’1% l’anno, generando una crescita del valore aggiunto fino a 2,5 miliardi l’anno a partire dal 2025. Il 5G, analizza lo studio, consenti di scaricare dati a una velocità di trasmissione fino a 10 volte superiore al 4G. Anche i tempi di risposta (latenza) sono particolarmente ridotti, passando da 10-50 millisecondi del 4G ad 1-4 millisecondi, aumentando così l’interattività fino a 10 volte. La densità di oggetti connessi potrà arrivare fino a un milione di dispositivi per chilometro quadrato, ovvero un numero 10 volte rispetto alla tecnologia 4G.

CAPITOLO AUTOMOTIVE

Nel settore automotive il 5G produrrà benefici complessivi di circa 3,2 miliardi di euro l’anno a partire dal 2025, emerge dal rapporto del Centro Studi Tim “Smart Italy 5G – I benefici del 5G per l’economia italiana” Grazie alla nuova tecnologia, rileva Tim, sarà possibile migliorare i processi produttivi, oltre che dotare le auto circolanti di connessioni più potenti e distribuite. I produttori potranno potenziare la raccolta dei dati, analizzare in tempo reale le eventuali anomalie a bordo, prevedere in anticipo la necessità di manutenzione, abilitare soluzioni di guida autonoma. Il beneficio economico per i costruttori in Italia sarà di circa 920 milioni di euro l’anno dal 2025.

GLI EFFETTI PER L’INDUSTRIA

Negli impianti produttivi il 5G genererà risparmio per l’industria di circa 222 milioni di euro l’anno dal 2025. Per gli utilizzatori di auto connesse il 5G migliorerà alcuni servizi di gestione, come il monitoraggio da remoto e la localizzazione, con risparmi energetici di circa 1 miliardo di euro l’anno. Nell’ambito dei progetti Smart City e Mobility, prosegue lo studio, il 5G consente di ottenere la gestione del flusso automobilistico e di incrementare la sicurezza sulle strade, con benefici complessivi di circa 986 milioni di euro l’anno a partire dal 2025. Nel settore della logistica e dei trasporti, evidenzia il rapporto, sono attesi 500 milioni di euro nel 2025 e circa un miliardo di euro nel 2030.

L’IMPATTO SUI SERVIZI SANITARI

L’introduzione del 5G nei servizi sanitari porterà benefici economici per circa 1 miliardo di euro l’anno a partire dal 2025, di cui 150 milioni di costi per prevenzione, 790 milioni di risparmio sul monitoraggio clinico, 32 milioni di risparmio sulle polizze e circa 4 milioni di maggiore efficienza ed efficacia nelle spese di ricerca e sviluppo farmaceutico, segnala il rapporto “Smart Italy 5G – I benefici del 5G per l’economia italiana”, elaborato dal Centro Studi Tim.

CAPITOLO SANITA’

Il 5G, sottolinea lo studio, offrirà la grande opportunità per la trasformazione digitale della sanità. Tra i principali casi d’uso già sperimentati la telechirurgia, l’ambulanza, il telemonitoraggio strumentalmente assistito e il teleconsulto in alta definizione. Non meno rilevanti poi i benefici per l’ambiente, grazie alla capacità di monitorare il ciclo di generazione e raccolta dei rifiuti: il 5G ne ridurrà la produzione infatti dell’1%, con un risparmio economico di circa 106 milioni l’anno dal 2025.

DOSSIER UTILITIES

Il rapporto del centro studi di Tim approfondisce l’impatto del 5G anche nel settore delle utilities: il 5G consentirà una maggiore diffusione di contatori intelligenti, determinando una generazione efficiente di energia, in particolare durante i periodi di forte domanda.

GLI EFFETTI PER GAS ED ELETTRICITA’

I benefici strategici per elettricità e gas, legati agli smart meter porteranno un vantaggio annuo complessivo di oltre 160 milioni dal 2025. I risparmi operativi invece sono stimati a circa 580 milioni di euro l’anno dal 2025. Nel settore idrico, l’implementazione del sistema di smart metering 5G su tutta la catena di gestione, può portare le perdite al limite fisiologico (10%), con oltre 700 milioni di euro annuo di beneficio annuale per la filiera.

PER I CONSUMATORI

Per i consumatori, la comunicazione dei dati in tempo reale consentirà di acquisire maggiore consapevolezza dei propri consumi, il che può portare un risparmio energetico di circa il 10%, per quanto riguarda energia elettrica e gas, con un beneficio complessivo di 620 milioni di euro annui in Italia dal 2025.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *