come-gli-stati-uniti-ostacoleranno-la-russia-dal-pagamento-dei-bond

Come gli Stati Uniti ostacoleranno la Russia dal pagamento dei bond

L’amministrazione di Joe Biden inizierà a bloccare la Russia dal pagare gli obbligazionisti americani. Tutti i dettagli nell’articolo del New York Times

L’amministrazione Biden inizierà a bloccare la Russia dal pagare gli obbligazionisti americani, aumentando la probabilità del primo default del debito estero russo in più di un secolo.

Un’esenzione dalle sanzioni americane ha permesso alla Russia di continuare a pagare i suoi debiti da febbraio. Ma questa deroga scadrà mercoledì e gli Stati Uniti non la prorogheranno, secondo un avviso pubblicato martedì dal Dipartimento del Tesoro. Di conseguenza, la Russia non sarà in grado di pagare miliardi di dollari di debiti e interessi su obbligazioni detenute da investitori stranieri.

I funzionari dell’amministrazione Biden avevano discusso se estendere la cosiddetta licenza generale, che ha permesso alla Russia di pagare gli interessi sul debito venduto, ma alla fine hanno stabilito che un default russo non avrebbe avuto un impatto significativo sull’economia globale e hanno lasciato che scadesse – scrive il New York Times.

Il Segretario del Tesoro Janet L. Yellen ha dichiarato in una conferenza stampa la scorsa settimana che l’esenzione è stata creata per consentire una “transizione ordinata” in modo che gli investitori potessero vendere i titoli. L’esenzione è sempre stata prevista per un periodo di tempo limitato. Ha osservato che la capacità della Russia di contrarre prestiti è già stata sostanzialmente interrotta.

“Se la Russia non è in grado di trovare un modo legittimo per effettuare questi pagamenti, e tecnicamente va in default sul suo debito, non credo che questo rappresenti davvero un cambiamento significativo nella situazione della Russia”, ha detto la Yellen. “La Russia è già tagliata fuori dai mercati globali dei capitali e continuerebbe a esserlo”.

Anche se l’impatto economico di un default russo potrebbe essere minimo, si tratta di un risultato che la Russia ha cercato di evitare e che rappresenta un’escalation delle sanzioni statunitensi. La Russia ha già tentato senza successo di effettuare i pagamenti delle obbligazioni in rubli e ha minacciato di intraprendere azioni legali, sostenendo che non dovrebbe essere in default se non le è permesso di effettuare i pagamenti.

“Possiamo solo ipotizzare cosa preoccupa di più il Cremlino di un default: la macchia sul record di gestione economica di Putin, il danno alla reputazione, il domino finanziario e legale che un default mette in moto, e così via”, ha dichiarato Tim Samples, professore di studi giuridici presso il Terry College of Business dell’Università della Georgia ed esperto di debito sovrano. “Ma una cosa è piuttosto chiara: la Russia era desiderosa di evitare questo scenario, disposta persino a effettuare pagamenti con preziose valute estere non autorizzate per evitare un grave default”.

La Russia ha due pagamenti di obbligazioni in valuta estera in scadenza venerdì, entrambi con clausole nei contratti che consentono il rimborso in altre valute se “per ragioni al di fuori del suo controllo” la Russia non è in grado di effettuare i pagamenti nella valuta originariamente concordata.

La Russia deve pagare circa 71 milioni di dollari di interessi per un’obbligazione denominata in dollari che scadrà nel 2026. Il contratto prevede il pagamento in euro, sterline e franchi svizzeri. La Russia deve anche pagare 26,5 milioni di euro di interessi per un’obbligazione denominata in euro che scadrà nel 2036, che può essere rimborsata in valute alternative, compreso il rublo. Entrambi i contratti prevedono un periodo di grazia di 30 giorni per i pagamenti ai creditori.

Il ministero delle Finanze russo ha dichiarato venerdì di aver inviato i fondi al suo agente di pagamento, il National Settlement Depository, un’istituzione con sede a Mosca, una settimana prima della scadenza del pagamento.

Il ministero delle Finanze ha dichiarato di aver adempiuto agli obblighi di pagamento. Ma sono necessarie altre transazioni con le istituzioni finanziarie internazionali prima che i pagamenti possano raggiungere gli obbligazionisti.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.