Come costruire il legame con il neonato

Quando gli esperti parlano di bonding, si riferiscono all’intenso legame con il neonato. È il sentimento che ti fa venire voglia di riempirlo d’amore e d’affetto, o di buttarti davanti a un camion in corsa per proteggerlo. Per alcuni genitori, questo avviene entro i primi giorni – o anche minuti – dalla nascita.

Per altri, ci vuole un po’ più di tempo. In passato, i ricercatori che hanno studiato il processo pensavano che fosse fondamentale passare molto tempo con il neonato durante i suoi primi giorni per stabilire subito un legame.

Tuttavia, ora sappiamo che il legame può avvenire nel tempo. Anche i genitori che vengono separati dai loro bambini subito dopo il parto per motivi medici, o che adottano i loro figli più tardi nell’infanzia, sviluppano relazioni strette e amorevoli.

E se non mi lego subito?

Non preoccuparti. Il legame spesso richiede tempo. Finché ti prendi cura dei bisogni di base del tuo bambino e lo coccoli regolarmente, non soffrirà se non senti un forte legame a prima vista. “C’è così tanta discussione sul legame con un nuovo bambino che le madri spesso si sentono in colpa se non sentono immediatamente un incredibile attaccamento al loro nuovo bambino”, dice Edward Christophersen, uno psicologo pediatrico.

“Ma il legame è veramente un’esperienza individuale, ed è altrettanto ragionevole aspettarsi che il legame si sviluppi in un periodo di tempo quanto che si sviluppi istantaneamente”.

Vacci piano con te stessa: essere un nuovo genitore è estenuante. Molte mamme si sentono stressate, sopraffatte o addirittura infelici durante le prime due settimane – un periodo noto anche come baby blues. Se hai avuto un parto difficile, potresti aver bisogno di un po’ di tempo per riprenderti prima di poterti concentrare sul legame con il tuo bambino. In alcuni casi, un problema medico sottostante può essere un fattore. Alcune donne sperimentano un calo degli ormoni tiroidei circa quattro-otto mesi dopo il parto. Bassi livelli di tiroide possono farti sentire depressa, facilmente irritabile e con problemi di sonno o di concentrazione – non lasciandoti esattamente nello stato d’animo di sorridere e fare le coccole al tuo bambino.

Fai sapere al tuo operatore sanitario se hai uno di questi sintomi o se noti altri segni di una tiroide poco attiva, come l’aumento di peso, la stitichezza o la pelle secca.

Come costruire il legame con il neonato?

Il legame genitore-figlio cresce attraverso la cura quotidiana. Il tuo bambino può essere carino e coccoloso, ma è anche una persona completamente nuova che devi conoscere. Non c’è una formula magica, ma alcune cose possono aiutare il processo.

  • Abbonda con le coccole pelle a pelle. Il tocco umano è rilassante sia per te che per il tuo bambino, quindi tienilo spesso e accarezzalo delicatamente.
  • Allatta il tuo bambino al seno. L’allattamento al seno rilascia ormoni nel tuo corpo che promuovono il rilassamento e i sentimenti di attaccamento e amore.
  • Comunica durante la giornata. Guarda il tuo bambino negli occhi mentre gli parli e gli canti. Raccontagli quello che stai facendo, pensando e sentendo.
  • Gioca con lui ogni giorno.
  • Porta il tuo bambino in una fascia o in un marsupio. Sentire il calore del tuo bambino, sentire il suo dolce profumo e guardare spesso verso il basso per stabilire un contatto visivo con lui può aiutarvi a creare un legame.
  • Passa molto tempo a tu per tu con il tuo bambino. Sorridigli e restituisci il sorriso quando lui sorride per primo. In poco tempo, avrai una sorta di conversazione con lui – quando sorridi, lui sorride. E quando fai il broncio, lui ricambia.
  • Leggi ogni giorno per lui. Coccolatevi insieme con un libro colorato.
  • Se il tuo bambino deve passare un po’ di tempo in terapia intensiva ed è attaccato a fili e monitor, chiedi al personale dell’ospedale di aiutarti a toccare e tenere il tuo bambino in modo sicuro.

come costruire un legame con il neonato

È insolito avere difficoltà a costruire un legame con il neonato?

No, non è insolito trovare il legame come una sfida. Diventare genitori da un giorno all’altro è un cambiamento di vita importante e travolgente, ed è naturale provare molte emozioni complesse. Trova un gruppo di nuovi genitori dove puoi scambiare storie con altri – potresti essere sorpresa da quanti altri si sentono come te.

Ecco il resoconto di una mamma sulla sua esperienza: “Mi aspettavo di sentire un amore profondo e travolgente per il mio bambino a prima vista. Sono rimasta sorpresa quando, nonostante un parto naturale in casa e l’allattamento al seno, ho sentito inizialmente che lei era un’estranea. Questo è cambiato nel tempo, e ora provo immensi sentimenti d’amore per lei e amo passare il tempo con lei. Ho letto e riflettuto molto. Credo che ci siano state un paio di difficoltà che hanno influenzato il mio stato emotivo. In primo luogo, ho avuto un’emorragia dopo il parto, e credo di essere stata piuttosto anemica per qualche tempo. In secondo luogo, l’allattamento al seno è stato straziante, e poiché questo è tutto ciò che il mio bambino voleva fare nelle prime settimane, la vita è stata molto difficile. Per le madri che non si sono legate così facilmente, dico di tenere duro. Siate gentili e pazienti con voi stesse e con il vostro bambino. Sono sicura che questi sentimenti arriveranno col tempo”.

Quando dovrei preoccuparmi?

Molti nuovi genitori iniziano a sentirsi più vicini al loro bambino con il tempo. Se, dopo un paio di settimane, ti accorgi che non ti senti più attaccata al tuo bambino rispetto al primo giorno, dillo al pediatra e fallo sapere al tuo operatore sanitario. Alcune neomamme hanno difficoltà a legare con il loro bambino perché stanno lottando con la depressione post-partum (PPD). Questa è una condizione comune che si verifica in almeno il 10 per cento delle nascite e può portare a gravi problemi se non trattata.

Chiama il tuo medico se sperimenti cinque o più dei seguenti sintomi quasi ogni giorno, per la maggior parte della giornata, per almeno due settimane consecutive:

  • Tristezza estrema, vuoto o mancanza di speranza
  • Pianto costante
  • Perdita di interesse o mancanza di piacere nelle tue solite attività e hobby
  • Problemi ad addormentarti di notte o a rimanere sveglia durante il giorno
  • Perdita di appetito o mangiare troppo
  • Aumento o perdita di peso non intenzionale
  • Sentimenti opprimenti di inutilità o di colpa schiacciante
  • Irrequietezza o pigrizia
  • Difficoltà a concentrarsi o a prendere decisioni
  • Sensazione che la vita non valga la pena di essere vissuta

Altri possibili segni di PPD includono l’essere irritabile o arrabbiata, la mancanza di interesse per il tuo bambino, l’evitare gli amici e la famiglia, il dubitare costantemente della tua capacità di occuparti del tuo bambino e il preoccuparsi eccessivamente per lui. Se sei preoccupata che tu possa avere la PPD, non c’è bisogno di sentirsi in imbarazzo o di vergognarsi nel cercare aiuto e trattamento – è la mossa migliore che puoi fare sia per te che per il tuo bambino. Se il tuo medico pensa che tu possa avere la PPD, ti indirizzerà a un terapeuta o a uno psichiatra per il trattamento, che potrebbe includere dei farmaci.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *