chernobyl-i-soldati-russi-toccavano-scorie-nucleari-a-mani-nude.-per-loro-rimane-un-anno-di-vita

Chernobyl. I soldati russi toccavano scorie nucleari a mani nude. Per loro rimane un anno di vita

AgenPress – A Chernobyl i soldati russi non sono stati impegnati solo a scavare trincee in una zona altamente contaminata come la foresta intorno alla centrale nucleare, ma hanno commesso anche azioni poco avvedute, come toccare a mani nude materiale radioattivo. Lo racconta un ingegnere ucraino della centrale al New York Times. Un soldato russo di un’unità di protezione chimica, biologica e nucleare ha prelevato a mani nude una fonte di cobalto-60 in un deposito di rifiuti nucleari, esponendo se stesso ad una tale radiazione in pochi secondi da far schizzare il contatore Geiger (strumento di misura delle radiazioni ionizzanti), spiega Valeriy Simyonov, ingegnere capo per la sicurezza della centrale. Non è chiaro, ha aggiunto, cosa sia accaduto all’uomo.

Nella stanza in cui i soldati russi vivevano durante l’occupazione della centrale i livelli di radiazioni sono ora più alti del normale, riporta la Cnn. Secondo i funzionari ucraini la fonte del materiale radioattivo viene dalle piccole particelle e dalle polveri che i soldati hanno portato dentro l’edificio. I russi hanno scavato trincee nella Foresta Rossa, l’area intorno a Chernobyl che è tuttora la zona più contaminata del Pianeta in seguito al disastro nucleare del 1986, “e hanno portato dentro” la centrale “il materiale attraverso le loro scarpe”, spiega il soldato ucraino Ihor Ugolkov. “Nelle altre aree le radiazioni sono sotto controllo, ma qui aumentano perché loro vivevano qui”.

I funzionari dell’impianto spiegano che i livelli nella stanza usata dai soldati russi sono solo leggermente superiori a quelli che l’Associazione nucleare mondiale descrive come radiazioni presenti in natura: un contatto singolo non è pericoloso, ma l’esposizione mette a rischio la salute.

Quel che è certo è che i soldati russi che sono stati esposti a una dose così massiccia di radiazioni avranno serie ripercussioni sulla salute. Il ministro dell’Energia ucraino, German Galushchenko, ha dichiarato che i russi che hanno scavato le trincee vicino alla centrale nucleare di Chernobyl hanno non più di un anno di vita.

“Sono andati ovunque, hanno anche portato della polvere radioattiva sui loro corpi” quando se ne sono andati, spiega Ugolkov. In un’area sicura ai margini della foresta la Cnn ha trovato un contenitore col pranzo dei soldati con livelli di radiazione 50 volte di quelli naturali.

Petro Kotin, il capo dell’operatore nucleare statale ucraino Energoatom, ha visitato una delle sezioni della cosiddetta Foresta Rossa nella zona di esclusione di Chernobyl insieme a specialisti e ha osservato radiazioni “anormalmente elevate” nelle aree in cui le truppe russe hanno scavato trincee e cercato di costruire fortificazioni.

In una dichiarazione su Telegram, Energoatom ha affermato che “sono stati registrati tassi di radiazioni anormalmente elevati” nell’area.

Le indicazioni di irradiazione esterna erano 10-15 volte superiori al normale e che la possibile radiazione interna ricevuta dal contatto con la superficie del suolo poteva essere 160 volte superiore alla norma, ha aggiunto.

“Un altro fattore di irraggiamento interno è l’inquinamento alfa formato a seguito di frammenti di combustibile nucleare irradiato, muratura di grafite sparsi in questa sezione della Foresta Rossa” dopo il disastro di Chernobyl del 1986″, si legge nella dichiarazione. “Questi frammenti si trovano ora in un profondità di 40-80 centimetri, mentre gli occupanti hanno scavato più in profondità. Quando si trova all’interno del corpo umano, questo tipo di radiazione ha un effetto decine e centinaia di volte più potente di quello delle radiazioni gamma e beta”.

L’articolo Chernobyl. I soldati russi toccavano scorie nucleari a mani nude. Per loro rimane un anno di vita proviene da Agenpress.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.