L’Italia è questa qui. Siamo tutti preoccupati per l’inverno che deve arrivare, visto che rischiamo di restare senza gas qualora Putin decidesse di chiudere i rubinetti. Però quando scopriamo che per diversificare, e magari abbassare un po’ il prezzo, c’è bisogno di un “rigassificatore“, ecco che cominciano i distinguo: Fratelli d’Italia non lo vuole a Piombino, il Pd locale neppure, la Lega difende l’itticoltura, il M5s neppure a parlarne così come Sinistra Italiana e Verdi.

Era già successo in passato. E non facciamo il Tap perché dava fastidio alla spiaggia. Non facciamo il rigassificatore. Non facciamo le pale eoliche. Non ci piace il fotovoltaico. Abbiamo votato “no” al nucleare. Ma andate a quel paese. E l’aria condizionata come la facciamo funzionare? E le auto come le mandiamo avanti? E le fabbriche? E le ceramiche? Come possiamo vivere la nostra comoda vita senza l’energia? Siamo dei pazzi…

Nicola Porro, dalla Zuppa di Porro del 27 agosto 2022

energiagasPiombinorigassificatore