carriera-“alias”-per-garantire-l’autodeterminazione-di-genere:-unimore-approva-il-regolamento

Carriera “alias” per garantire l’autodeterminazione di genere: Unimore approva il regolamento

ADV





Approvato dal Senato Accademico il regolamento che istituisce la carriera “alias”, destinata a tutti coloro che, nelle interazioni con l’Ateneo, desiderino utilizzare un nome diverso da quello anagrafico.

Ad Unimore via libera alla carriera “alias”: lo ha stabilito in maniera unanime il Senato Accademico che, nella seduta dello scorso 13 luglio, ha approvato il regolamento redatto da un’apposita commissione di esperti ed esperte.

Fondata sul principio di autodeterminazione di genere, la possibilità di utilizzare il nome alias è estesa non solo a studentesse/studenti, dottorande/i e specializzande/i, ma anche a personale tecnico-amministrativo, bibliotecario, CEL (collaboratori esperti linguistici), docente e ricercatore e assegnisti/e che, per il proprio benessere psicofisico, intendano modificare nome e genere.

L’identità alias, inoltre, verrà temporaneamente riconosciuta anche ad eventuali ospiti dell’Ateneo che dovessero richiedere l’utilizzo di un nome diverso.

Per poter cominciare o proseguire la propria carriera utilizzando un nome “alias”, la persona richiedente dovrà semplicemente sottoscrivere un Accordo di riservatezza con l’Ateneo, il quale provvederà alla predisposizione e al rilascio di un nuovo badge identificativo, indicante nome e cognome di elezione; tale tesserino avrà efficacia esclusivamente all’interno dell’Ateneo.

Tale forma di tutela consiste nella creazione di un profilo burocratico alternativo per il personale in servizio presso l’Ateneo, mentre, per studentesse e studenti, il nome scelto in fase di sottoscrizione dell’accordo sarà utilizzato per poter sostenere gli esami, per la proclamazione in sede di laurea o discussione tesi di dottorato e per avere un nuovo indirizzo mail.

Forte soddisfazione per la decisione del Senato Accademico è espressa dalla Prof.ssa Tindara Addabbo, Delegata del Rettore per le Pari Opportunità e Presidente della Commissione per l’istituzione della carriera “alias”: “Con l’approvazione dei due regolamenti, Unimore rientra fra i pochi atenei in Italia che estendono la carriera alias sia alla componente studentesca che al personale, un importante passo avanti in termini di inclusione. Un risultato che si è avvalso anche del confronto con le associazioni LGBTQI+ che aderiscono al tavolo istituito presso Unimore e che colgo l’occasione per ringraziare”.

La commissione, oltreché dalla Prof.ssa Addabbo, era composta dalla Dott.ssa Francesca De Rienzo, componente del CUG – Comitato Unico di Garanzia, dal Prof. Thomas Casadei, Delegato per la Comunicazione e Portavoce del Rettore, dal Dott. Salvatore Aloisio, Componente del Senato Accademico, dal Dott. Dario Pavia, Presidente dell’Associazione MoREGay, dal Dott. Paolo Grasso, Dirigente della Direzione Servizi agli Studenti, e dal Dott. Rocco Larocca, Coordinatore della Direzione Risorse Umane. Ai lavori della commissione hanno anche collaborato Romina Agnolin, Francesca Cocchi e Curzia Moretti.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *