bollo-auto,-arriva-il-rimborso:-ecco-come-richiederlo

Bollo Auto, arriva il rimborso: ecco come richiederlo

Tutto Notizie
Bollo Auto, arriva il rimborso: ecco come richiederlo

Si può richiedere il rimborso del bollo auto? A quanto pare esistono tre casi in cui si può richiedere il rimborso. Scopriamo quali sono.

Il Bollo Auto è quella tassa automobilistica che viene gestita dalle Regioni e dalle Province Autonome e sono tenuti a pagarla coloro che, alla scadenza del termine utile per il pagamento, risulterebbero essere proprietari del veicolo al PRA. Ci sono tre casi, come anticipato in precedenza, dove è possibile chiedere il rimborso della tassa di circolazione:

  1. versare la tassa di possesso del veicolo, ma in realtà non è dovuta poiché si beneficia di un’esenzione;
  2. quando per il bollo auto c’è stato il versamento di un importo in eccesso
  3. quando viene versato erroneamente due volte

LEGGI ANCHE: Allarme carta igienica tossica! Come evitarla? Ecco svelato il mistero

Bollo Auto, ecco quando richiedere il rimborso

Per i tre casi sopra elencati, quindi è possibile richiedere il rimborso e l’istituto a cui fare riferimento è ovviamente quello della propria regione di residenza, essendo una tassa regionale. In tutti i casi, la restituzione dei soldi, però, non avviene in automatico. Questo significa che si dovrà presentare una domanda di rimborso all’ufficio tributi della propria regione di appartenenza. Bisognerà inoltre allegare la ricevuta di pagamento che attesta il doppio versamento della tassa. In altro modo, invece, allegando sempre la copia della ricevuta di pagamento, bisogna attestare di essere esenti dal versamento della tassa di possesso del veicolo.

Vogliamo inoltre sottolinearvi come la data del 31 Ottobre 2022 per il bollo auto potrebbe essere una data trappola. Questo perché su Internet sta circolando una fake news che è legata proprio alla tassa in questione. La notizia che circola riguarda un’informazione fasulla dove “dal prossimo 31 Ottobre non si dovrà più pagare la tassa dell’auto”. La data in questione riguarda l’anno 2’21 dove c’era lo stralcio delle cartelle esattoriali che non erano state pagate al periodo che andava dal 2000 al 2010.

Ricordiamo inoltre, che allo scadere del bollo nel corso dell’anno 2022, questo si dovrà pagare entro la fine del mese successivo alla data di scadenza. Allo stesso tempo, per chi decide di acquistare una nuova automobile, ci saranno anche delle esenzioni e delle riduzioni tra cui:

  • l’esenzione pluriennale dal pagamento del bollo auto
  • l’esenzione permanente o comunque una riduzione significativa del bollo

LEGGI ANCHE: Il Governo Draghi dichiara guerra al Reddito di Cittadinanza, arriva la nuova stretta anti-furbetti: cosa cambia

Bollo Auto, arriva il rimborso: ecco come richiederlo
Antonietta Padovano

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.