al-psg-basta-un-tempo:-juve-piegata-2-1-da-mbappe

Al Psg basta un tempo: Juve piegata 2-1 da Mbappè

Una Juventus non bella ma generosa perde 2-1 al Parco dei Principi contro il Paris Saint Germain nell’esordio di Champions. Gara tra due squadre con una storia recente simile: il dominio casalingo e l’ossessione vana per la vittoria della coppa dalle grandi orecchie. Certo, fasi differenti nell’ultimissimo periodo: col Psg fresco di rivoluzione e la Juve che prova a ritrovarsi nella restaurazione allegriana. E dopo le ultime uscite in campionato per i bianconeri appariva evidente che non sarebbe stata una scelta saggia impostare una gara su quello stile, meme a parte. E infatti quando la Juve si chiude dietro bastano sei minuti al Paris Saint Germain per trovare il gol: il passaggio di Neymar è quasi di scherno nella sua banalità di scucchiaiata in avanti, ma Mbappé scappa a Bremer e la deposita alle spalle di Perin.

Il segnale per i bianconeri arriva: giocare in velocità mette alle strette un Psg che in fase di possesso è quel che è, inevitabilmente, con Mbappè, Messi, Neymar e Verratti, ma che dietro è leggerissimo tanto che i bianconeri vanno vicinissimi al gol quando Paredes accelera e Cuadrado pesca Milik al centro dell’area, ma il colpo di testa è centrale e nello stesso tempo Donnarumma ha un gran riflesso. Ma è il Psg a raddoppiare dopo venti minuti con Hakimi che sfonda a destra e mette al centro per Mbappè che brucia nuovamente tutti e porta i francesi sul 2-0.

Ci sarebbero le basi per l’imbarcata dai minuti iniziali: evidente a fine primo tempo che un modello basato su sofferenza e ripartenza non è più attuabile contro avversari con organici superiori. Poteva reggere quel modello con una coppia oliata come Bonucci e Chiellini con cinque anni di meno coadiuvata da gente come Khedira, Pjanjc, Matuidi, non oggi che le differenze rispetto alle big europee si sono accentuate. Ma attenzione, il Psg è tutt’altro che perfetto: un’opulenza a volte stucchevole e pure controproducente in attacco con tanti tacchi e pochi tocchi utili, tanto egoismo dei suoi solisti che ad oggi inevitabilmente solisti restano e amnesie incomprensibili in difesa.

Infatti la squadra di Galtier va in difficoltà in apertura di secondo tempo, quando la Juve assume l’iniziativa e riesce anche a riaprirla con un calcio piazzato: Donnarumma esce male su corner e McKennie, entrato al posto di Miretti, insacca di testa. Si rifà Donnarumma pochi minuti dopo salvando su colpo di testa di Vlahovic. E vengono ancora più a galla nel corso del secondo tempo gli altrettanto arcinoti limiti del Paris Saint Germain, quelli che gli hanno impedito negli anni di trionfare a livello europeo pur avendo squadre pazzesche: egoista e sprecone in avanti e pasticcione dietro, con la Juve che al netto di cambi più difensivi di Allegri (De Sciglio per Cuadrado e Locatelli per Milik) si fa pericolosa ma non riesce a trovare un gol del pareggio che avrebbe fatto parlare di impresa, per come si era messa la partita. Finisce 2-1 con un Psg per l’ennesima volta vanesio ai limiti dell’autolesionismo e una Juve che prende consapevolezza di non essere certo favorita ma di avere le carte in regola per scrivere il proprio destino. Volendo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO

DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.

Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI

Grazie Peter Gomez

Articolo Precedente

Champions League, il Milan inizia solo con un pareggio a Salisburgo: 1-1, gol di Saelemaekers e Okafor

next

Related Posts

Lascia un commento