agli-assoluti-dominio-delle-fiamme-oro-nelle-gare-di-spada-a-squadre

Agli Assoluti dominio delle Fiamme Oro nelle gare di spada a squadre

ROMA (ITALPRESS) – Doppietta delle Fiamme Oro nella giornata dedicata alle gare di spada a squadre nel corso dei Campionati italiani Assoluti Courmayeur 2022. Nella giornata in cui si celebrano i 113 anni dalla nascita della Federazione Italiana Scherma sono Marco Fichera, Andrea Santarelli, Davide Di Veroli e Valerio Cuomo al maschile e Alberta Santuccio, Giulia Rizzi, Gaia Traditi ed Eleonora De Marchi al femminile a salire sul gradino più alto del podio.
Nella spada maschile è il terzo titolo consecutivo per i poliziotti che, dopo gli scudetti 2019 e 2021, si sono imposti anche quest’anno superando in finale l’Aeronautica Militare di Matteo Tagliariol, Paolo Pizzo, Enrico Piatti e Andrea Vallosio col punteggio di 45-31. L’assalto era rimasto in parità fino al quinto parziale (22-22), poi nel sesto Davide Di Veroli ha fatto segnare un 5-0 su Enrico Piatti e da lì è iniziata la crescita delle Fiamme Oro, che nella frazione successiva hanno messo in campo Fichera, secondo ieri nella gara individuale, che ha fatto registrare un 7-3 su Vallosio e poi Cuomo, che col 6-2 su Piatti ha spianato la strada alla vittoria.
Il quartetto dell’Aeronautica Militare era giunto in finale superando l’Esercito grazie a una strepitosa prova di Enrico Piatti, che era sotto 24-31 ed è stato capace di recuperare e vincere alla priorità 35-34 contro Gabriele Cimini. I ragazzi dell’Esercito (il già citato Cimini, Fabrizio Cuomo, Giacomo Paolini e Valerio Grasselli) si sono poi rifatti salendo sul terzo gradino del podio a discapito del Club Schermistico Partenopeo, sconfitto 45-30 nella finalina.
Andrea Santarelli ha vinto nel giorno del suo ventinovesimo compleanno. A fine gara ha detto: “Li abbiamo tenuti, poi io ho fatto una frazione sottotono, ma i miei compagni hanno recuperato e alla fine abbiamo vinto anche abbastanza agevolmente. Personalmente il quarto posto a Tokyo è stata una grandissima delusione, ma adesso, a distanza di qualche mese, posso capire il valore di calcare le pedane olimpiche. Quel risultato mi ha dato la spinta per affrontare le gare successive, mi sono detto che non volevo più perdere e in effetti la stagione è andata molto bene tanto che ora sono numero 2 del mondo. Non penso che ai Giochi Olimpici mi mancasse qualcosa, ho perso contro atleti di altissimo livello, ma adesso l’asticella si è alzata”.
Dominio Fiamme Oro anche al femminile con la squadra composta da Alberta Santuccio, Giulia Rizzi, Gaia Traditi ed Eleonora De Marchi, con un’Alice Clerici fuori per infortunio, che hanno prima battuto 45-24 il Circolo della Scherma Terni (Barbara Capoccia, Elena Ferracuti, Eleonora Sbarzella, Silvia Liberati) e poi, in finale, hanno affrontato l’Aeronautica Militare di Federica Isola, Alessandra Bozza, Carola Maccagno e Beatrice Cagnin, vincendo 27-25. Il match si è deciso solo nell’ultima frazione quando, ferme sul 20 pari, è toccato ad Alberta Santuccio e Federica Isola rivivere la finale dell’individuale di ieri: l’esito stavolta è stato diverso e la catanese ha portato la sua squadra alla vittoria fermando la compagna di nazionale. Le campionesse in carica dell’Esercito Mara Navarria, Roberta Marzani, Nicol Foietta e Sara Maria Kowalczyk sono giunte invece al terzo posto.
La capitana delle Fiamme Oro Alberta Santuccio a fine gara ha detto: “Questa vittoria sa di rivincita per me e per le mie compagne di squadra. L’inizio è stato in salita, ma poi siamo riuscite a recuperare il gap e ce l’abbiamo fatta. Ero fiduciosa nonostante nell’ultimo parziale stessimo ancora 20 pari. Non facciamo tante gare come Polizia, ma quando ci ritroviamo vincere è una grande soddisfazione perchè siamo una grande famiglia”.
“La medaglia olimpica mi ha ribaltata – ha spiegato la spadista catanese – ho iniziato la stagione con nuove consapevolezze, c’è stato un cambiamento e quel risultato mi ha dato la carica per affrontare la stagione in cui ho fatto molto bene. Fortunatamente il carattere mi ha sempre contraddistinto, non mollo mai ed è questa la mia forza. Adesso con le mie compagne di Nazionale vogliamo prenderci quello che pensiamo di meritarci: incrocio le dita perchè sono scaramantica, ma adesso arriva il meglio”.
Domani entrerà nel vivo il programma della sciabola con la gara
individuale maschile e con quella individuale femminile.
– foto Ufficio Stampa Fis –
(ITALPRESS).

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.