“abbasso-il-comunismo”.-e-cuba-imprigiona-samuel,-dissidente-disabile-–-paolo-manzo

“Abbasso il comunismo”. E Cuba imprigiona Samuel, dissidente disabile – Paolo Manzo

Haiti: guerra civile a bassa intensità. Le ambasciate chiudono per la violenza

Messico, Francia, Canada e Repubblica Dominicana hanno chiuso da ieri le loro ambasciate ad Haiti in risposta all’ondata di violenza che ha colpito il Paese. La capitale haitiana è teatro di manifestazioni di massa, atti di vandalismo e saccheggi, dopo che il primo ministro Ariel Henry ha annunciato lunedì mattina un aumento del prezzo del carburante nel Paese. E sempre ieri il presidente della Repubblica Dominicana, Luis Abinader, ha definito la crisi che Haiti sta vivendo una “guerra civile a bassa intensità”.

La storia toccante di Samuel Pupo Martínez, il prigioniero politico cubano disabile

Cubanet racconta la storia di Samuel non aveva fatto del male a nessuno, non aveva lanciato pietre né ha affrontato la polizia. Quello che fece l’11 luglio 2021 fu salire su un’auto ribaltata a Matanzas e gridare: “Abbasso il comunismo! Patria e vita”. Nove anni fa a Pupo era stata diagnosticata la sclerodermia, una malattia degenerativa che trasforma il proprio sistema immunitario in un nemico. Il tuo corpo attacca erroneamente i tessuti sani e non esiste una cura. Esistono due tipi di sclerodermia, uno è localizzato, che colpisce solo la pelle. Ma la più grave è la sclerosi sistemica. Questo, che danneggia la circolazione sanguigna e gli organi, è ciò che ha Samuele.

Samuel cubano dissidente

A prima vista, se non si tocca l’epidermide dura, Pupo sembra in salute. È un uomo di 48 anni, alto e tozzo. Tuttavia, le lesioni sulla sua pelle sono per lo più nascoste sotto la sua uniforme carceraria, ad eccezione delle sue dita, dove l’umorismo accumulato esplode, riempiendo la punta degli arti di piaghe. Né le sue unghie hanno un aspetto ordinario. La consistenza e la forma sono più simili agli zoccoli di un animale che alle dita di un uomo. Ma gli effetti più devastanti della sua malattia sono interni: glaucoma, diabete, pressione alta e dolore costante che a volte lo immobilizza. Quando è stato arrestato l’11 luglio 2021 per aver manifestato contro il governo, la sua famiglia pensava che soffrire di una malattia incurabile e degenerativa lo avrebbe salvato dal carcere. E poi non ha fatto del male a nessuno, non ha lanciato pietre, non ha affrontato la polizia. Quello che fece quel giorno fu salire su un’auto ribaltata e gridare: “Abbasso il comunismo! Patria e Vita!”, vicinissimo alla sede del Partito. Questo gli è bastato per essere condannato a tre anni di reclusione e vedersi negato anche i domiciliari nonostante il carcere abbia gravemente deteriorato la sua salute, come ha dimostrato la sua difesa al processo. Al contrario, a Samuele è stato detto che le cose andranno solo peggio, finché sua moglie non starà zitta.

50 preti nicaraguensi chiedono rifugio in Honduras e Costa Rica

Ieri sera José Canales, vescovo della diocesi di Danlí, El Paraíso, in Honduras, ha riferito che circa 50 sacerdoti nicaraguensi hanno chiesto rifugio a Honduras e Costa Rica a causa della repressione e delle vessazioni del regime di Daniel Ortega. Secondo Canales, il regime apre un fascicolo contro i religiosi che criticano o si oppongono pubblicamente alla dittatura orteguista. “Abbiamo ricevuto 50 richieste di sacerdoti che hanno espresso l’intenzione di fuggire dal Paese e una è già stata accolta e formalmente consegnata alla diocesi di Danlí”. Ortega attualmente mantiene il vescovo Rolando Álvarez della diocesi di Matagalpa , così come altri sette preti, ai domiciliari.

La fase mistica di Cristina Kirchner

La vicepresidente dell’Argentina, Cristina Kirchner, riappare con attorno una dozzina di “preti delle baraccopoli” e fa un discorso mistico dopo il fallito attentato. È lei stessa a dire di essere oggi più “mistica”. “Sento di essere viva grazie a Dio e alla Vergine“, ha detto aggiungendo, “volevo che la mia prima attività pubblica fosse circondata da preti delle baraccopoli, da suore laiche, da religiose”, ha detto la Kirchner in una sala del palazzo del Senato, dove ha il suo ufficio. I preti delle baraccopoli sono molto vicini a Papa Francesco e, sebbene di solito non partecipino alla politica, non nascondono la loro simpatia per il kirchnerismo. La ex presidente ha anche rivelato che la mattina dopo l’attentato ha ricevuto una telefonata da Papa Francesco, che conosce dagli anni in cui era alla Casa Rosada e Francesco era Jorge Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires. “Stavamo parlando al telefono e lui mi ha detto: ‘Gli atti di odio e di violenza sono sempre preceduti da parole e verbi di odio e di violenza’”, ha rivelato la Kirchner.

Salgono a 14.200 le esecuzioni extragiudiziali in Venezuela.

Sono 14.220 i casi di esecuzioni extragiudiziali perpetrate in Venezuela dal 2012 al luglio di quest’anno, secondo l’ONG Cofavic intatto. Nella sola Caracas, il Victims Monitor, un’altra organizzazione che difende le vittime del terrorismo di stato, ha registrato 1.013 omicidi per mano della polizia dal 2017, una cifra che – secondo loro – è inferiore a quella reale, poiché molti di questi eventi sono descritti nei rapporti come scontri susseguenti a resistenza all’autorità. “Non è solo la cifra, non è solo il numero delle persone uccise, ma anche la famiglia che c’è dietro”, ha spiegato Sofía Cardona, psicologa del programma “Voces Visibles” con cui un’altra ong, “Mi Convive” fornisce supporto psicosociale ai parenti delle vittime della “letalità della polizia”. L’idea è quella di sostenere le persone “che sono ancora qui e che continuano a combattere” dopo la perdita dei loro parenti, ha detto la specialista. In Venezuela, le violazioni dei diritti umani sono oggetto di indagine da parte della Missione internazionale delle Nazioni Unite, che ha assicurato che le forze di polizia hanno perpetrato più di 200 omicidi da settembre 2020 fino alla presentazione del suo secondo rapporto, nel marzo 2021.

Cuba ha il maggior numero di prigionieri pro capite al mondo

L’organizzazione indipendente Justicia 11J ha indicato in una dichiarazione pubblicata sui suoi social network che, secondo i dati presentati dal governo di Cuba all’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), l’isola sarebbe il paese con la più grande popolazione carceraria pro capite del mondo. Un rapporto dell’Institute for Crime & Justice Policy Research (ICPR), preparato all’Università di Londra, Regno Unito, all’inizio di quest’anno aveva posizionato Cuba come il quinto paese con il più alto tasso di prigionieri al mondo dopo gli Stati Uniti, il Ruanda, il Turkmenistan ed El Salvador. Ma i dati di Cuba inclusi nel rapporto corrispondono a maggio 2012. Secondo il rapporto, 57.337 persone sono state incarcerate nelle carceri cubane, con una popolazione di 11,25 milioni. Il numero dei prigionieri a Cuba è però almeno doppio, considerando l’opacità delle statistiche ufficiali e l’intensificarsi della repressione delle voci dissenzienti sull’isola.

Paolo Manzo, 16 settembre 2022

Tutto sull’America Latina e il suo impatto su economia e politica del vecchio continente. Iscriviti gratis alla newsletter di Paolo Manzo (http://paolomanzo.substack.com). Dopo una settimana se vuoi con un abbonamento di 30 euro l’anno avrai diritto oltre che alla newsletter a webinar e dossier di inchiesta esclusivi.

Related Posts

Lascia un commento