under-21,-ben-7-i-positivi:-in-campo-martedi-va-la-under-20

Visti i casi di positività al Covid riscontrati nell’Under 21, ben sette, la Figc ha stabilito in via precauzionale che martedì a Pisa scenderà in campo la Nazionale Under 20 allenata da Alberto Bollini. In programma c’è il match di qualificazione agli Europei contro l’Irlanda. Dopo Marchizza, difensore dello Spezia, sono risultati positivi anche il laterale del Pescara, Raoul Bellanova, e il portiere dell’Entella, Alessandro Russo. Lo hanno comunicato i rispettivi club d’appartenenza. Sono sette in totale i casi all’interno della giovane squadra azzurra visti i casi già accertati nei giorni scorsi di Gabbia, Bastoni, Plizzari e Carnesecchi. La Figc ha richiesto alla Uefa di poter aggregare alla Nazionale Under 20 i calciatori Patrick Cutrone, Samuele Ricci, Riccardo Sottil e Sandro Tonali, attualmente a Tirrenia con l’Under 21.

Allenamenti separati, su campi diversi, con un preparatore atletico, senza mai toccare la palla. Lunghe e noiose sono le giornate ai tempi del virus ad Appiano per i quattro superstiti rimasti alla Pinetina nella bolla con lo staff che gravita attorno al gruppo squadra. Conte dopo qualche giorno di vacanza supplementare è tornato a Milano ma prima di accedere al centro sportivo dovrà attendere la negatività del tampone. I nerazzurri sono fra le squadre maggiormente colpite dal covid con sei giocatori già risultati positivi. Skriniar è in Slovacchia, Bastoni tornato a Milano è in isolamento fiduciario a casa come Gagliardini, Nainggolan, Radu e Young. Oggi gli esentati dagli impegni con le nazionali si sono sottoposti a nuovi tamponi e almeno fino a mercoledì rimarranno in quarantena alla Pinetina.

Fra mercoledì e giovedì -ovvero 48 ore prima del derby- torneranno in Italia i nazionali. Anche per loro però l’accesso al Suning center non sarà immediato: solo una volta accertata la negatività al tampone avranno la possibilità di varcare i cancelli ed allenarsi. La preoccupazione sale, considerando la promiscuità a cui i giocatori sono stati costretti per affrontare voli e frequentare spogliatoi composti da gente proveniente da tutto il mondo. In questo momento nella sede nerazzurra stanno aspettando notizie ufficiali sulla durata della quarantena, che secondo il nuovo dpcm verrebbe diminuita a dieci giorni. Da metà settimana anche i nazionali entreranno nella bolla o a tutti verrà concessa la possibilità di sostenere l’isolamento fiduciario a casa, seguendo però le regole di dover mangiare, dormire e usare un bagno in maniera separata dai familiari?

A Genova i tamponi hanno confermato la positività di ancora 10 giocatori, mentre Perin, Marchetti e Radovanovic si sono negativizzati.

Il Verona deve fare a meno di Gunter e Barak, il Monza che conta cinque positivi si è sottoposto questa mattina a una nuova sessione di tamponi.

Finire la stagione è quanto mai necessario per le casse già esangui dei club. Che ciò possa avvenire disputando tutte le partite rimanenti è auspicabile ma non certo: ecco perchè Gravina ha in animo di discutere al più presto con Dal Pino dell’ipotesi play off. Un piano b che non piace alle tv, che potrebbero chiedere ulteriori sconti. L’idea sarebbe comunque quella di introdurli non prima del termine del girone d’andata per consentire a tutte le squadre di aver giocato lo stesso numero di partite. Poi le prime 12, divise in due gironi, si sfiderebbero per lo scudetto e le ultime 8 lotterebbero per la retrocessione.

12 ottobre 2020 (modifica il 12 ottobre 2020 | 15:57)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *