Bologna news

Rimini, due classi ancora non tornano in aula: «Colpa di un contagio extrascolastico»

rimini,-due-classi-ancora-non-tornano-in-aula:-«colpa-di-un-contagio-extrascolastico»

Il Liceo Einstein di Rimini
Il Liceo Einstein di Rimini

Niente lezione in presenza ma ancora didattica a distanza per due classi, una quarta e una quinta, del Liceo Scientifico Albert Einstein di Rimini. E non perché non ci siano spazi a disposizione, ma perché gli studenti sono finiti in isolamento dopo che un ragazzo di 18 anni (che non frequenta il loro stesso istituto) è risultato positivo al tampone. Il giovane è un contatto stretto di molti ragazzi iscritti al Liceo nelle due classi, per cui al termine dell’indagine epidemiologica è scattata la quarantena per le due canoniche settimane e il tampone nasofaringeo per scongiurare altri contagi legati alle frequentazioni dell’amico risultato già positivo.

Il preside e l’Ausl: «Contagio extrascolastico»

Il preside dell’Istituto Christian Montanari parla chiaro: «Non è un contagio avvenuto tra le mura scolastiche. Ausl Romagna ha svolto un’indagine epidemiologica mettendo in isolamento i ragazzi già prima dell’inizio delle lezioni alla luce del rischio derivato da un possibile contagio dei ragazzi delle nostre due classi». Una posizione ribadita anche dall’azienda sanitaria. «Il ragazzo – spiegano da Ausl – è risultato positivo nella giornata di venerdì 11 settembre ed è subito scattata la quarantena per i ragazzi iscritti a liceo. E’ importante quindi sottolineare che non c’è alcun caso di coronavirus accertato al momento nelle classi di quel liceo così come tra i professori e il personale scolastico»

16 settembre 2020 (modifica il 16 settembre 2020 | 10:32)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *