reggio-calabria,-la-denuncia-di-un-cittadino:-“discarica-a-cielo-aperto-intorno-alle-case-popolari-di-ciccarello,-alto-rischio-sanitario-nella-zona”-[foto]

Reggio Calabria, la denuncia di un cittadino: “discarica a cielo aperto intorno alle case popolari di Ciccarello, alto rischio sanitario nella zona” [FOTO]

Reggio Calabria, la denuncia di un cittadino: “discarica a cielo aperto intorno alle case popolari di Ciccarello, a causa dell’alto rischio sanitario numerosi cittadini sono costretti a vivere barricati nelle loro abitazioni”

E’ chiara e netta la denuncia di un cittadino di Reggio Calabria. “Con tutte le mie energie ho fatto di tutto per tornare nella mia città di origine per costruire il proprio futuro lavorativo e la propria famiglia- sottolinea-. Credo fermamente nelle Istituzioni, ma purtroppo oggi devo dire che qualcuno non è in grado di adempiere al compito che è stato chiamato ad assolvere. Fermo restando che il senso civico dovrebbe far sì che non si verifichino situazioni come quella che oggi sono costretto a denunciare, ma purtroppo considerato che sono passati diversi anni e la situazione è immutata ritengo che chi di competenza debba intervenire utilizzando tutti gli strumenti che la legge mette a disposizione per far sì che le tante persone civili possano vivere nella normalità. La problematica, come si evince dalle foto a corredo, è la discarica a cielo aperto intorno alle case popolari di Ciccarello –evidenza– zona ad alta densità abitativa con tanti residenti nella fascia di età oltre i 65 anni e tanti bambini che a causa dell’alto rischio sanitario sono costretti a vivere barricati nelle loro abitazioni. Diverse segnalazioni nel tempo sono state fatte, ma non hanno sortito alcun risultato, nonostante si stia parlando di un reato penale, allora ho ritenuto opportuno usare la mail certificata per segnalare in maniera ufficiale lo scempio a cui i cittadini sono costretti ad assistere per evitare che nel momento in cui depositerò agli organi competenti la denuncia ufficiale mi venga risposto che non erano a conoscenza del grave problema. Inoltre sto inoltrando alle diverse Istituzioni in indirizzo, in maniera tale che chi ha la giusta competenza agisca verso chi non è stato in grado di svolgere il proprio compito”, conclude.


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *