MotoGP 2021. GP di Francia a Le Mans. Valentino Rossi: “Voglio dimostrare che Schwantz ha ragione”

motogp-2021-gp-di-francia-a-le-mans.-valentino-rossi:-“voglio-dimostrare-che-schwantz-ha-ragione”

MotoGP 2021. GP di Francia a Le Mans. Valentino Rossi: “Voglio dimostrare che Schwantz ha ragione”

E’ senza dubbio il peggior momento della sua carriera, ma Valentino Rossi non ha nessuna intenzione di arrendersi. Sotto questo aspetto, non ci sono dubbi: Valentino proverà in tutti i modi a uscire da questa situazione. Se ci riuscirà o meno è un altro discorso, ma VR46 non si dà per vinto.

Mi piace molto Le Mans, un tracciato storico e solitamente favorevole alla Yamaha. Spero sempre nell’asciutto, anche per capire se il lavoro fatto il lunedì nei test a Jerez ci può essere di aiuto. Purtroppo le previsioni non sono favorevoli: bisognerà essere pronti per ogni condizione, perché qui il meteo cambia ogni 10 minuti”.

Ci sono un sacco di ex piloti che dicono la loro opinione su di te, cosa dovresti fare, ti danno dei consigli; li leggi i loro commenti, come li affronti?

Non leggo niente da almeno 15 anni… Qualche volta vedo qualcosa sui social, ho visto che qualcuno parla bene, altri male. Ho visto buone parole da Schwantz e Fogarty e prima dell’intervista Pol (il bravo addetto stampa del team Petronas, nda) mi ha informato su quanto si dice… Ringrazio gli ex campioni che hanno usato buone parole per me. Kevin ha detto che crede ancora in me, che ho ancora della forza dentro di me: sono d’accordo con lui e devo cercare di dimostrarlo.

Parli sempre dei problemi con il posteriore, ma sembra che in questa stagione tanti ce l’hanno con l’anteriore, come Ktm, Suzuki, Yamaha con le scelte fatte dalla Michelin; è così anche per te?

Per la Yamaha, la scelta fatta da Michelin non è male. So che la Ktm ha qualche problema per la differenza rispetto al 2020, ma per noi non è un grande problema (si parla di differenza nella scelta delle mescole, ricordo che la carcassa è la stessa del 2020, nda).

Ma ti piacerebbe un nuovo anteriore da Michelin, pensi che sia necessario?

Penso che Michelin debba lavorare sull’anteriore. Abbiamo delle buone gomme, ma avremmo bisogno di più opzioni. Ma per me, non sono male.

Si parla tanto del sistema per abbassare la moto in partenza e durante la gara; Marquez è stato piuttosto critico al riguardo, dice che va anche contro lo spettacolo, tu cosa ne pensi? Sarebbe il caso di lasciarlo solo per il via e vietarlo in gara?

L’idea differente dei piloti dipende molto dalla moto che guidano: se chiedi ai piloti Ducati, loro sono favorevoli a questo sistema, perché sulla loro moto funziona molto bene, quelli della Honda sono contro perché sulla loro moto non va tanto bene. Credo sia più questo piuttosto che una questione di sicurezza… Per quanto mi riguarda è una cosa nuova e un po’ strana quando guidi, ma credo che per la sicurezza averlo o no non cambi nulla.

E’ confermato che non ci saranno tifosi al Mugello; correrai anche nel 2022 per poter disputare il GP d’Italia con il pubblico?

Mugello senza fan è veramente un grande problema, perché è uno stadio naturale, un po’ come a Jerez e ad Assen. Vedi il pubblico quando guidi, lo senti, è un peccato che non ci sia. Però la mia scelta non dipenderà da questo, ma dai risultati.

Ma hai iniziato a parlare del tuo futuro?

No. Assieme a Petronas abbiamo pensato di aspettare la prima metà del campionato; se i risultati saranno buoni si vedrà se si potrà continuare insieme. Questo è il programma.

Morbidelli ha detto che lui vuole rispettare il contratto con Petronas: escludi che possa entrare nel team VR46?

Mi piacerebbe moltissimo che Franco corresse con la nostra squadra, ma so che lui si trova molto bene con il team Petronas. Secondo me rimarrà lì e se dovesse cambiare credo che si meriti un team ufficiale. Mi dispiace, ma credo che sarà difficile che corra con noi.